Tempo di lettura: 3 minuti

Darfo Boario Terme, Brescia – Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. Un appuntamento con un tema che occupa in modo preoccupante le pagine dei quotidiani e che si è acuito nella lunga pandemia che ci sta accompagnando da quasi due anni.

Un problema per la cui soluzione vi è ancora molta strada da fare, come dimostrano le oltre cento donne uccise per femminicidio da inizio anno cui si aggiungono innumerevoli (e molti non denunciati) casi di violenza.

“Quello della violenza sulle donne è un risvolto della peggiore natura umana che vede dominare la aggressività sul confronto –afferma Doralice Piccinelli, Assessora alle Politiche Sociali della Città di Darfo Boario Terme- È un tema attorno al quale non si deve mai abbassare la guardia e, nonostante negli ultimi anni vi sia stato tanto impegno delle persone e delle Istituzioni, la violenza sulle donne, comunque la si perpetri, è ancora troppo diffusa”.

Per questo, ogni anno la Città di Darfo Boario Terme e la Commissione Cittadina per le pari opportunità promuovono iniziative differenti affinché ciascuno possa trovare il suo spazio di elaborazione e costruzione di un percorso di attenzione al tema che non venga dimenticato il giorno dopo; sensibilità, questa che è stata condivisa anche da altre donne e associazioni che hanno promosso altrettante iniziative di coinvolgimento sul territorio camuno-sebino, da Sellero a Costa Volpino.

La settimana “cittadina” prenderà il via domenica 21 novembre con lo spettacolo teatrale “Voci di Donna” -trasmesso alle 19.35 in esclusiva su Teleboario da domenica 21 fino a giovedì 25 novembre – scritto e diretto da Stefania Dall’Aglio: cinque episodi che raccontano storie di donne che vivono intensi sentimenti ed emozioni.

“Questo spettacolo a episodi che entra nelle case con la TV intende portare la riflessione, preparare alla esperienza della giornata del 25 novembre con la fiaccolata e il sit-in accompagnati da testimonianze, poesie, riflessioni, musiche, canzoni… –dichiara Sara Bonomelli, Presidente della Commissione Pari Opportunità- Idee e pensieri che si intrecciano e, come gocce sulla pietra, intendono costruire un solco con il quale cancellare i cliché e i pregiudizi nel passato che continuano ossessivamente a vivere nel presente: il possesso della donna, la discriminazione, la prepotenza, la prevaricazione.

Una azione costante e profonda che vuole guidare il cambiamento culturale indispensabile per sradicare la violenza e attivare un processo reale di pari dignità tra uomo e donna.

Una consapevolezza che deve vivere nei cuori e nella testa di tutti, indipendentemente dalla cittadinanza, dalla religione, dalla cultura, dal livello di istruzione”.

“La fiaccolata è uno dei momenti più significativi perché è ricca di segni che vogliamo leggere e ricordare –aggiunge Doralice Piccinelli – Infatti, il buio della crudeltà, dei tabù, della brutalità viene rischiarato dalla luce della ragione, dell’accoglienza, dell’accettazione. E così la fiaccola diventa simbolo di libertà e di contrasto alla violenza fisica, verbale, piscologica”.

Venerdì 26 novembre si continuerà a parlare di violenza sulle donne al Cinema Garden con il film “La scelta di Anne”, la pellicola di Audrey Diwan premiata con il Leone d’Oro di Venezia 2021, portando all’attenzione una violenza subdola che non è fatta di schiaffi, ma di condizionamento, di privazione della libertà di poter scrivere la propria vita, di poter scegliere.

Sul territorio tanti altri appuntamenti che fino a mercoledì 8 dicembre si solleveranno in un coro di voci che, attraverso la musica, il teatro, l’arte, approfondimenti legislativi, intendono offrire al pubblico femminile e maschile nuovi strumenti per unirci, tutti insieme, contro la violenza sulle donne.

Le iniziative sono promosse dalla Commissione Cittadina di Darfo Boario Terme e patrocinate dalla Comunità Montana di Valle Camonica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome