Tempo di lettura: 2 minuti

Al Centro Paideia di Torino nasce la nuova stanza multisensoriale per il benessere dei bambini con disabilità. Lo spazio, realizzato grazie al sostegno di Fenera Holding S.p.A., si configura come un luogo pensato, in particolare, per accogliere i bambini con disturbi del neurosviluppo e difficoltà di integrazione sensoriale , in un contesto efficace per vivere momenti di relax e benessere, ma anche per attività di conoscenza e di osservazione.

La stanza è uno strumento che permette all’operatore che si occupa della riabilitazione di comprendere il profilo del bambino, sia sul piano emotivo e relazionale che sul piano cognitivo. Lo spazio può essere utilizzato a luci soffuse per consentire un momento di rilassamento e benessere o a luci accese come luogo per la terapia psicomotoria.

Qui i bambini che hanno difficoltà ad integrare i canali sensoriali possono vivere, attraverso un’attività che si struttura in un ciclo di otto incontri, un’esperienza immersiva. La stanza multisensoriale permette di sperimentare un canale sensoriale alla volta, grazie a vari strumenti che stimolano la percezione visiva, tattile, uditiva e olfattiva.

Il setting è costituito da luci con fibre ottiche, appendimenti come altalene, palline luminose, diffusori di profumo, tubi e bolle inserite in un contesto “morbido”, con cuscinoni e tappetoni per potersi rotolare e rilassare, ascoltando vibrazioni, musica e suoni e lasciandosi conquistare dalle sfere e dai pesciolini.

Al Centro Paideia sono seguite oltre 600 famiglie con bambini con disabilità attraverso attività di sostegno, accoglienza e riabilitazione integrate con attività sportive, laboratoriali e ricreative aperte a tutta la città.

La realizzazione del progetto è stata possibile grazie all’intervento di Fenera Holding S.p.A., gruppo finanziario con attività diversificate, che rivolge da anni un’attenzione particolare alla salute e al benessere dei più piccoli. Il gruppo è stato tra i primi sostenitori del progetto “Centro Paideia” finanziando nel 2015 la costruzione di una stanza dedicata alle attività di logopedia e oggi rinnova il suo impegno “adottando” la realizzazione della nuova stanza multisensoriale.