Tempo di lettura: 4 minuti

Reggio Emilia. «Perdere l’udito a trent’anni non è una tragedia. Non è la cosa che tutti sognano, ma sarebbe andata peggio se per esempio avessi perso la capacità di reagire».

Le parole colme di resilienza sono di Marco Frattini, che dopo una malattia che gli ha tolto l’udito ha ascoltato le vibrazioni del  suo corpo e con una forza incredibile ha ripreso il variegato cammino della sua vita.

È la storia di Marco Frattini, odontoiatra audioleso e maratoneta, ex musicista, ha perso l’udito 14 anni fa a causa di una malattia. Una storia di resilienza a ritmo di corsa e di musica, perché Marco non ha smesso di correre e soprattutto di suonare, una grande passione che per un audioleso può sembrare un’impresa titanica, ma non per Marco che nel suo primo brano musicale, “Corro come il vento”, riannoda i fili di due grandi passioni: la corsa e la musica, oggi ritrovano il ritmo per “correre” ancora insieme.

Ed eccolo presente domenica 12 dicembre alla 25ª Maratona di Reggio Emilia, questa volta non come concorrente ma come musicista con la sua canzone Corro come il vento, che farà da sottofondo alla maratona. Prima la corsa, oggi la musica ritrovata. Questi gli ingredienti della straordinaria storia di coraggio e resilienza di Marco Frattini, che ha fondato il brand iovedodicorsa e ha scritto il libro “Vedere di corsa e sentirci ancora meno”.

«La mia colonna sonora è ferma al 2006». Racconta, quindici anni fa, all’improvviso, si è trovato immerso nel silenzio. Un silenzio che arriva da lontano, una decina di anni prima quando, a 19 anni, fu sottoposto al primo intervento d’urgenza per l’asportazione di una massa neoplastica di circa 7 centimetri di diametro con rescissione del nervo acustico di destra e con blocco parziale del nervo facciale destro.  Il coraggio, la determinazione e la voglia di vivere pienamente di Marco, si è trasformata in una storia di resilienza attiva in cui il disagio della malattia è diventata una grande opportunità di vita e di lavoro.

La corsa rappresenta la strada maestra di una rinascita che l’ha visto diventare tre volte campione italiano di maratona (2010/11/12) e tre volte campione italiano di cross (2009/10/11) per la «FSSI» («Federazione Sport Sordi Italia»). Alla passione per il running è seguita l’idea del primo social network dedicato alla corsa, l’app per iPhone e Android «CiaoRunner», nata per condividere la sua passione con gli altri runner. Una passione, la corsa, che è diventata anche una professione con «Iovedodicorsa», il brand di abbigliamento tecnico dedicato al mondo dei runner.

I lunghi, insondabili silenzi del running, hanno fatto pian piano riemergere quelle sonorità perdute, eppure a lungo ricercate e coltivate dentro di sé, che oggi si liberano nel suo primo brano musicale “Corro come il vento” che porta alla ribalta Marco compositore, insieme ai Garden Groove, gruppo musicale brianzolo.

Corro come il vento è dunque il primo singolo di una sua nuova fase creativa musicale di Marco Frattini, al quale si aggiungeranno 5 nuovi brani inediti in un mix di generi musicali eterogenei, dalla musicalità della disco music fino all’intensità del rock più duro e deciso. Sonorità vivaci, frizzanti, dal ritmo incalzante che vogliono essere caricatura reale e umoristica del mondo podistico e dell’appassionato di corsa intento a migliorare le proprie performance.

Come la corsa, nel mondo di Marco la musica ha sempre occupato uno spazio importante. Una passione, prima di tutto un moto dell’anima. Prima di perdere l’udito, Frattini suonava in una boyband, la «classica» rock band formata da amici che faceva musica nel garage sotto casa, e lavorava come fonico. Ma la vita, a volte, non fa sconti.

«Ero un bravo fonico e un buon chitarrista – racconta Marco Frattini La musica è stata per tanto tempo una sorta di riflesso condizionato. Non ho più avuto la possibilità di sentire la melodia di una canzone. Però sentivo le vibrazioni. Ricordare cosa significa suonare uno strumento, imbracciare una chitarra, suonare un pianoforte… ho cercato di riviverlo nella mia testa fino a quando non sono riuscito a riportare alla luce i suoni, le parole, il ritmo! Quel nuovo ritmo che scandisce questa nuova fase della mia vita».

 “Corro come il vento” ha dunque il sapore di un’altra conquista che accompagnerà la Maratona di Reggio Emilia e sicuramente tante delle prossime gare in programma per la prossima stagione agonistica.

“Corro come il vento“ può essere scaricato dalla sezione Jukebox del sito www.iovedodicorsa.com nell’edizione gratuita, oppure al costo di 16€ con l’acquisto della bandana dedicata “Laguna Veneta” che verrà spedita gratuitamente in tutta Italia. Con l’acquisto della bandana si contribuirà alla creazione del video musicale del brano. Siete pronti a cambiare ritmo?

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.