Tempo di lettura: 2 minuti

Gattatico, Reggio Emilia. Un bando di prosa e di poesia è promosso dall’Istituto Alcide Cervi e Associazione Nazionale Partigiani d’Italia nel 45° della scomparsa di Alcide Cervi, la scadenza per la consegna delle opere è per il 28 dicembre di quest’anno, una data simbolica: la fucilazione dei 7 figli di papà Cervi.

Date simboliche accompagnano il bando, ricorre infatti quest’anno il 70° della lotta di liberazione dal nazi-fascismo, il 45° anniversario della morte di Alcide Cervi, padre sei sette fratelli fucilati dai fascisti al poligono di tiro di Reggio Emilia il 28 dicembre 1943. IMG_2049

Alcide Cervi è l’uomo che ha saputo resistere al fascismo e allo strazio doloroso della perdita di sette figli e della moglie, nelle vicende che hanno coinvolto la famiglia durante la Lotta di Liberazione; ha saputo continuare l’attività contadina nel dopoguerra, con l’aiuto delle vedove e dei nipoti; infine, ha avuto la lucida e straordinaria lungimiranza di “donare tutto alle istituzioni perché ne facciano memoria”. “Una vecchia quercia”, come ebbe a dire, non a caso, Ferruccio Parri.

L’occasione, pertanto, è di valorizzare, proprio alle nuove generazioni, la figura di Papà Cervi come paradigma del padre che accompagna e mette a disposizione sé stesso agli altri. La volontà è che Papà Cervi possa essere ricordato come esempio umano di abnegazione e caparbietà e, nello stesso tempo, riferimento per iniziative culturali contemporanee.

Il bando di concorso dal titolo “Una storia partigiana” dedicato alla prosa e alla poesia, rivolto alle ‘generazioni dei nipoti’ che difficilmente trovano voce nella narrazione sui valori antifascisti. Spesso sono infatti i testimoni diretti, quelli rimasti, a parlare, e sono spesso le ultime generazioni chiamate ad ascoltare e ad interpretare, nella scuola e nel perenne “appello ai giovani”.alcide cervi

Ma il ponte tra valori ed etica civile si realizza senza interruzioni, con il contributo di tutti coloro che da adulti interpretano e incarnano l’essere cittadini democratici, per poi restituirlo e raccontarlo a loro volta. La partecipazione al concorso è libera e gratuita. I partecipanti saranno suddivisi in due fasce anagrafiche, 25-35 anni e 36-50 anni. Il tema dovrà ispirarsi al valore dell’antifascismo, della resistenza e della Costituzione da intendersi: sia come riferimento agli avvenimenti storici, sia come cittadinanza attiva e impegno civile.

Il concorso è riservato ai partecipanti tra i 25 e i 50 anni che vorranno proporre elaborati in prosa o in poesia. I materiali potranno essere spediti a partire dalla pubblicazione del bando per tutto il corso del 2015, anno del 70° della Resistenza, con scadenza in un’altra data simbolica per Casa Cervi, il 28 dicembre 2015, anniversario dell’eccidio dei Sette Fratelli e di Quarto Camurri.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *