Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. “Accendi la mente e spegni i pregiudizi” è lo slogan Giornata mondiale contro il razzismo che si celebra il 21 marzo, promossa dall’UNAR Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, giunta alla XII edizione. Una giornata dove ad accendersi e spegnersi sono i diritti e le discriminazioni: l’invito è di accendere la mente per aprirsi all’altro, imparare a conoscersi per superare i propri pregiudizi.

Il comune di Cremona in occasione della Giornata Internazionale contro il Razzismo, lunedì 21 marzo, alle ore 12,00, allo SpazioComune in piazza Stradivari, presenta e inaugura  lo Sportello Antidiscriminazioni, uno strumento da mettere in campo per la lotta alle discriminazioni, per la costituzione di una rete territoriale e la partecipazione alle progettualità regionali.amore

L’incontro conclude inoltre il percorso di formazione “Discriminazioni: definire, individuare, prevenire, rimuovere”, iniziato il 21 gennaio, che ha visto una cinquantina di partecipanti tra dipendenti comunali, operatori e referenti di enti ed associazioni impegnate sul territorio nel contrasto alle discriminazioni. Obiettivo del corso era formare gli operatori a contatto con il pubblico sui possibili fattori di discriminazione, fornendo strumenti per prevenire e contrastare stereotipi e pregiudizi, così da garantire parità di accesso ai servizi dell’Ente.

“Nel febbraio 2014 – dichiara l’assessore alla Trasparenza e Vivibilità Sociale Rosita Viola – il Comune ha approvato il Protocollo d’intensa con l’associazione Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni di Mantova per realizzare iniziative di promozione e sensibilizzazione in materia di prevenzione e contrasto di qualsiasi forma di razzismo, xenofobia, omofobia ed ogni altra forma di discriminazione. Il Protocollo, che abbiamo rinnovato nei giorni scorsi, pone le basi per la realizzazione di attività contro le discriminazioni e l’avvio di un percorso di costruzione di una rete territoriale contro le discriminazioni. In tale contesto si colloca ad esempio l’istituzione dello Sportello Antidiscriminazioni all’interno delle più ampie funzioni del Centro Locale di Parità, in raccordo e con la supervisione dell’Associazione Articolo 3”.mani

Lo Sportello svolgerà attività di accoglienza, orientamento, consulenza e raccolta delle segnalazioni dei presunti casi di discriminazione e molestia. Saranno individuati gli strumenti più idonei per fronteggiare il caso, dialogando, se opportuno, con le istituzioni interessate. Svolgerà inoltre attività informative, promozionali e di sensibilizzazione rivolte a tutti i cittadini. Infine, lo Sportello sarà il punto di raccordo della rete territoriale antidiscriminazioni denominata “Rete Antidiscriminazioni di Cremona” e antenna della Rete regionale antidiscriminazioni razziali.

Sarà organizzata una campagna di comunicazione per promuovere la conoscenza e i servizi offerti dallo Sportello e verrà attivata una rete di soggetti a supporto di tale attività grazie a specifiche competenze sui diversi fattori di discriminazione. Per il funzionamento del servizio sarà impiegato personale dipendente dell’Amministrazione comunale. Il Comune, con il concorso di altri Enti ed Istituzioni, eventualmente coinvolti, supporterà le attività svolte dall’associazionismo e dal privato sociale, già esistenti a livello locale, per valorizzarne l’azione.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *