Tempo di lettura: 2 minuti

SUCCISO DI RAMISETO (Reggio Emilia) – La Valle dei cavalieri. È così che si chiama la cooperativa protagonista del documentario “Varvilla”.

Nata per evitare lo spopolamento del piccolo borgo di montagna di Succiso, la cooperativa di comunità, si sta facendo conoscere grazie al film di Valerio Gnesini.

Il lungometraggio ci trasporta nella vita della cooperativa attraverso le storie di Albaro, Dario, Oreste, Emiliano, Giovanni, Piera e Michela, persone che dedicano il loro tempo alla comunità, svolgendo tutto l’anno lavori utili al paese e alla collettività.

Ora, La Valle dei cavalieri gestisce un bar, un agriturismo, un negozio di generi alimentari ed è attiva nel turismo, nell’allevamento di ovini, nel settore della manutenzione del territorio e nella gestione del centro visita del parco nazionale.

“Varvilla” sta avendo un forte successo internazionale, soprattutto a Parigi, dove ha recentemente vinto il Premio della Giuria al Fife Festival.

È stato selezionato all’Idfa – Docs For Sale di Amsterdam e parteciperà al festival internazionale di Seoul. Inoltre è già stato richiesto, per questa estate, in Austria, a Barcellona, in Romania e in Polonia.

Ma è Parigi dove c’è la domanda più forte e “nei prossimi mesi gli appuntamenti non mancheranno – assicura Valentina Damiani, produttrice del documentario – La prima in Italia è stata il 19 maggio al cinema Odeon di Bologna e, dato che, sia il film che la troupe sono emiliani ci piacerebbe poter organizzare una proiezione estiva nella nostra città e ci stiamo impegnando perché ciò avvenga. Siamo però entusiasti e incredibilmente colpiti di come un paesino abbia richiamato un così forte interesse internazionale”.

Un esempio più unico che raro, quello di Succiso, che ha richiamato la curiosità di Naori Tsuda, professore di economia dell’Università di Osaka, Giappone, il quale sta conducendo uno studio sulle cooperative di comunità diffuse nel mondo per capire quanto questo esempio sia riproducibile in altri contesti. “Un modello simile esiste solo in Australia”, afferma Tsuda.

Nei 75 minuti di “Varvilla” si viene catapultati nella quotidianità dei protagonisti d’una storia che narra di cosa voglia dire, a due ore di distanza da Reggio Emilia e a mille metri d’altezza, inventarsi un lavoro pur di non migrare dalle proprie radici.

Il film di produzione Godoev, coprodotto da Kaleidoscope Factory è stato concepito con il sostegno di Regione Emilia-Romagna Film Commission, della Provincia di Reggio Emilia e del Centro per l’audiovisivo e l’innovazione digitale in Emilia-Romagna, con il patrocinio di Cooperativa Valle dei cavalieri, del Parco Appennino Tosco-Emiliano, del Comune di Ramiseto e di Alta Via dei Parchi.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *