Rovato, Brescia. Al via le candidature per il concorso nazionale Verso una economia circolaregiunto alla sua quarta edizione promosso daFondazione Cogeme Onlus in collaborazione con Kyoto Club. Prosegue così il progetto di diffusione dell’economia circolare iniziato cinque anni fa nel territorio bresciano, tra la Franciacorta e la Pianura, con il sostegno di Fondazione Cariplo. Si rivolge a Enti locali e Mondo dell’impresa di tutta Italia che nel biennio 2019-2020 abbiano realizzato, avviato, o anche solo approvato ed autorizzato, interventi di diminuzione dei rifiuti e di uso efficiente dei materiali di scarto.   Iscrizioni aperte dal 1 ottobre fino al 20 novembre.

Il Premio di eccellenza nazionale “Verso una economia circolare” compie quattro anni e di fatto si conferma come uno dei concorsi più attesi nel panorama nazionale sia per gli Enti locali che per il Mondo delle imprese. Forte di numeri sempre in crescita, il premio in questi anni ha accompagnato un’evoluzione culturale e di tendenza sempre più significativa anche grazie ad una rinnovata opera di sensibilizzazione rispetto alle questioni ambientali, sempre più orientata alle politiche di riutilizzo. E su queste tematiche appunto il bando appena pubblicato vuole puntare ancora l’attenzione, dando spazio a quelle realtà che, nel biennio 2019-20, abbiano realizzato, avviato, o anche solo approvato ed autorizzato, interventi di diminuzione dei rifiuti e di uso efficiente dei materiali di scarto, favorendo percorsi verso sistemi eco-industriali che limitino al massimo i sottoprodotti non utilizzati, il loro smaltimento e la conseguente dispersione nell’ambiente.

Nelle scorse edizioni il numero dei partecipanti è cresciuto mano a mano che l’iniziativa prendeva piede, grazie anche alle numerose collaborazioni e patrocini intrapresi sin dagli esordi e che oggi contemplano Kyoto Club, Fondazione Cariplo, le due Università di Brescia (Università degli Studi e Cattolica del Sacro Cuore), Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani, Associazione Borghi Autentici d’Italia, Coordinamento Agende 21 locali, Centro studi longobardi, Cogeme S.p.A. e Acque Bresciane.Novità di quest’anno sono i patrocini di Confindustria Venezia (grazie ad un collegamento con Kyoto Club), Alleanza per la Generatività Sociale e Confcooperative Brescia. Questo consente un ulteriore allargamento della rete di diffusione del Premio. Una menzione particolare va ad Apindustria che per il secondo anno consecutivo sostiene il progetto e lo diffonde tramite i propri associati. Mai scontato il patrocinio del Ministero dell’Ambiente per la cerimonia di premiazione a conclusione dell’iniziativa. Il Premio vede la media partnership con le riviste La Nuova Ecologia, QualEnergia e QualEnergia.it.

SARS-CoV-2 ha messo e sta mettendo in grande difficoltà Pubbliche Amministrazioni e Mondo dell’impresa in generale, ecco perché attraverso questo Premio intendiamo valorizzare gli sforzi e la tenacia di tutte quelle realtà che stanno lavorando per perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile, nonostante tutto ” così il Presidente di Fondazione Cogeme Onlus, Gabriele Archetti, membro del comitato scientifico all’insegna della continuità e competenza, composto inoltre da numerose personalità del mondo Accademico, imprenditoriale e dell’Associazionismo.

I promotori assegneranno un premio per le seguenti categorie:

  • Enti locali
    – categoria 1: comuni fino a 30.000 abitanti
    – categoria 2: comuni oltre 30.000 abitanti
  • Mondo dell’impresa
    – categoria 1: fatturato fino a 30 milioni
    – categoria 2: fatturato oltre i 30 milioni
  • Il termine per la presentazione delle candidature è fissato per il 20 novembre 2020. Per ulteriori informazioni visitare il sito versounaeconomiacircolare.it oppure scrivere a
  • info@versounaeconomiacircolare.it.
  • La cerimonia si terrà nel mese di dicembre con modalità e data ancora de definire.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome