Si rinnova anche quest’anno la tradizione del Viaggio della Memoria, organizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca in collaborazione con l’Ucei, l’Unione delle comunita’ ebraiche italiane, per commemorare l’anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau e per consentire agli studenti italiani che si sono distinti in progetti legati alla Shoah di partecipare ad una esperienza didattica unica nel suo genere: apprendere la storia direttamente dalla voce di chi l’ha vissuta.

Il ministro Stefania Giannini e la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, insieme al Presidente dell’Ucei Renzo Gattegna, saranno in Polonia con 130 fra docenti e ragazzi delle scuole superiori. Ancora una volta metteranno la loro testimonianza a disposizione degli studenti italiani Sami Modiano e le sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissuti al campo di sterminio.

Il Viaggio. Docenti e studenti hanno iniziato il Viaggio della Memoria lunedì scorso con un incontro nella Sinagoga di Tempel, nel quartiere ebraico di Kazimierz di Cracovia, nel corso del quale sara’ rinnovato l’accordo di collaborazione fra Miur e Ucei per promuovere percorsi didattici sulla Shoah.

Il programma è proseguito con la visita al ghetto nazista di Cracovia. Accompagnati dai ricercatori della Fondazione Museo della Shoah. Ieri gli studenti hanno visitato il campo di sterminio Birkenau e il Museo di Auschwitz guidati dal professor Marcello Pezzetti, storico specializzato nello studio della Shoah.

L’intera esperienza del viaggio viene raccontata dai ragazzi attraverso una pagina Facebook aperta per l’occasione, sulla quale vengono pubblicati post, fotografie e clip video che saranno a disposizione di tutti per dare la possibilita’ anche a chi non sara’ a Cracovia di vivere a distanza questa esperienza e di ascoltare le testimonianze dei sopravvissuti. Il viaggio viene inoltre raccontato dal Miur attraverso il profilo Twitter @MiurSocial.

Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.