Non poteva più giocare a calcio a causa di un grave incidente avuto l’anno scorso. Pochi giorni fa Mattia Martinello si è fatto più di 100 chilometri da Padova a Bologna per tornare a correre, anzi a camminare, nei campi del centro sportivo Vasco De Gama.

È stato il “walking football”, la variante a basso ritmo del calcio pensata per gli over 50 e persone affette da disabilità, a permettere a Mattia di ricalpestare il rettangolo verde, in occasione della prima gara organizzata dal comitato provinciale Uisp di Bologna.

Insieme al ragazzo veneto altre 20 persone hanno partecipato alla prima prova ufficiale di campionato, gareggiando in un campo da calcetto per 30 minuti attenti a non violare la prima regola di gioco: non correre, inoltre niente scivolate e rimbalzi della palla ad altezza vita, per preservare la salute dei giocatori.