Tempo di lettura: 3 minuti

Come accade spesso, quando cerchi il luogo dell’anima e lo desideri fortemente, lui ti trova: “Valdonica mi è capitato, non era pianificato”. E quando arriva il momento di cambiare vita succede qualcosa che ti permette di realizzare un sogno.

Ha colto l’attimo, Martin Kerres, medico viennese, durante un viaggio in Italia che gli ha permesso di dare una svolta alla propria vita.

“Era un periodo intenso e di grandi cambiamenti”, racconta. “Avevo deciso di comprare una casa in Italia, in Toscana per la precisione. Quando mi sono ritrovato davanti Valdonica, un terreno incolto e abbandonato, nel cuore della Maremma, non ho più avuto dubbi: quella terra aspettava me”.

Martin Kerres nella sua cantina

La terra del dottor Kerres è oggi una meravigliosa azienda che produce vino biologico, dove è possibile dormire, fare degustazioni, vivere l’emozione di una vacanza a pieno contatto con una natura genuina.

“Mi sono trasferito qui nel 2005”, racconta, “e l’anno dopo mi è venuta l’idea di piantare vigne e produrre vino”.

Il vigneto

Trovando l’incoraggiamento degli abitanti del posto, incuriositi da questo affascinante dottore austriaco così appassionato di bellezza e natura, Kerres ha portato a nuova vita la terra, valorizzandone le potenzialità.

Ha lasciato l’Austria e il suo lavoro di medico, ma l’attenzione alla salute e il rigore fanno parte del suo percorso di vita, e così ha scelto di applicare le sue conoscenze nell’ambito della medicina con l’obiettivo di offrire prodotti genuini, capaci di soddisfare i palati più esigenti, e nel rispetto assoluto della natura, con i suoi ritmi.

“Mi sono trovato tra le mani un terreno assolutamente vergine, e per questo ricchissimo. Si tratta di un terreno molto minerale, che nella parte più a ovest della tenuta diventa sabbioso. Abbiamo valorizzato questa varietà di struttura dei terreni, che ci permette di coltivare vitigni molto diversi: dal ciliegiolo al sangiovese, al vermentino”.

Preziose bottiglie e….io

Anche la struttura che ospita la cantina e le camere è stata realizzata sfruttando tecnologie ecosostenibili sapientemente fuse insieme con l’architettura tradizionale toscana.

E a circondarla, oltre alle viti, trovano spazio anche molte aree boschive e non solo: tra i filari si possono vedere, in primavera, distese di fagioli, e altre piante che si integrano perfettamente con la vite, creando un ambiente ricco di profumi, colori e bellezza.

Qui Martin e i suoi collaboratori mangiano frutta e verdura di stagione prodotti nell’orto, e li offrono ai loro ospiti. Si interferisce il meno possibile con la natura: la terra beve quando piove e ovviamente non vengono usati prodotti chimici. E la scelta è stata premiata: come dimostrano i grandi risultati ottenuti in questi anni: 98 punti per il Ballarino (Decanter), 93 per il Ciliegiolo e 92 per il Baciòlo (Wine Spectator).

Ma al di là di questi riconoscimenti prestigiosi i vini di Martin Kerres sono ormai famosi e apprezzati in tutto il mondo.

“I nostri clienti amano la purezza, la finezza dei nostri vini, che sono veri e sinceri, ma al tempo stesso anche eleganti e fini”.

Non si tratta di vini di massa, insomma, e la cantina di Valdonica somiglia più a una boutique, dove si trovano prodotti preziosi e dalla forte personalità.

In questo posto incantevole Kerres ha creato spazio per ospitare e accompagnare i suoi ospiti in un viaggio alla ricerca del gusto, della genuinità, ma anche della convivialità.

“Organizzo spesso degustazioni e cene, e le persone si divertono molto a scoprire i vini ma anche a chiacchierare e stare insieme. Assisto alla nascita di relazioni e amicizie tra persone di differenti provenienze, età, religioni. Facilitare questi incontri mi rende felice”.

E negli anni si è avvicinato sempre di più a medicina ayurvedica, omeopatia, buddismo, trasformando prima di tutto la propria vita, e favorendo il cambiamento anche in quella degli altri.

Il suo sogno è quello di avere ospiti in tutte le stagioni dell’anno: “Il momento più affascinante per la natura è quello dell’autunno e dell’inverno: il clima stesso ci induce all’introspezione, a rallentare i ritmi. Un momento ideale per ritrovarsi, per riflettere, e per godersi il silenzio e la pace che questa terra ci offre. E poi è meraviglioso assistere al miracolo del risveglio che la natura ci offre ogni anno ”.

I vini dell’ azienda Valdonica sono biologici certificati dal 2012. La cantina era presente alla passata edizione di Vinitaly nel padiglione dedicato al bio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *