Tempo di lettura: 1 minuto

Concesio, Brescia. Il gioco d’azzardo in Italia registra una spaventosa crescita il 7% annuo, secondo alcune fonti. Un business che porta denari nelle casse dello Stato, ma provoca una nuova dipendenza, tanto per usare le parole del cardinale Bagnasco: “una nuova droga, un cancro che lo Stato non solo non contiene, ma favorisce e ci lucra”.

Alla biblioteca di Concesio è organizzata giovedì 20 aprile alle ore 20,45 una serata sul tema del gioco d’azzardo e le sue dipendenze che stanno facendo breccia nella fasce giovanili.

L’incontro vedrà un testimone d’eccezione: il prof. Marco Dotti, che metterà in luce le infinite contraddizioni tra logica e retorica dell’azzardo. Ed ancora, la psicologa Cinzia Sala, Paola Tassone, dello SMI Gli Acrobati, Marco Ardesi, responsabile della Biblioteca di Concesio. Modererà Alessandro Todeschini.

Cercheranno di esplorare i temi che nutrono il mondo del gioco d’azzardo, tra paradossi, luoghi comuni e sofferenza quotidiana. Analizzando la “logica” di un apparato normativo teso a disciplinare, consentendo e legittimando pratiche che per definizione sono portatrici di gravi patologie; tali da giustificarne l’inserimento tra quelle oggetto dei nuovi L.E.A. e giustificando chi in tutto questo ritenga di individuare un pericoloso paradosso “retorico”, fatto di gridi d’allarme e benevole concessioni.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *