Casalmaggiore, Cremona. Prima data del tour italiano, il concerto vedrà i due pianoforti, quello di Vladimir Ashkenazy, padre, e quello di Vovka Ashkenazy figlio, dare vita ad un dialogo sonoro di grande suggestione fra uno dei più grandi pianisti di tutti i tempi, alla sua ultima tournèe, e il figlio, interprete di caratura internazionale.

Un appuntamento imperdibile giovedì 18 aprile alle ore 20.30 al Teatro Comunale con il concerto di Vladimir Ashkenazy & Vovka Ashkenazy, promosso da Comune di Casalmaggiore e Comune di San Giovanni in Croce, Teatro Comunale di Casalmaggiore, Villa Medici del Vascello, Pierluigi Abbondanza e inserito nelle iniziative di Stupor mundi 2019.

Un programma eccezionale, un’alternanza di impeto ed eleganza, tra Schubert, Brahms, Ravel, Rachmaninoff.

Vladimir Ashkenazy è uno dei più grandi pianisti e direttori d’orchestra viventi, spesso citato per il suo concepire la musica come qualcosa di inseparabile dalla sua vita. Interprete lucido e dall’impeccabile tecnica virtuosistica al pianoforte, è rinomato per le sue performance di composizioni romantiche e russe. Di nazionalità russa, poi naturalizzato islandese, oggi è cittadino islandese e svizzero e dal 1978 abita in Svizzera. Ha dedicato la prima parte della sua vita di musicista al pianoforte, terminando i suoi studi alla scuola centrale di Musica e al Conservatorio di Mosca.

Vovka Ashkenazy, nato a Mosca nel 1961, primogenito di Vladimir, ha cominciato lo studio del pianoforte all’età di sei anni sotto la guida di Rögnvaldur Sigurjónsson a Reykjavík, dove la famiglia allora risiedeva e lo ha proseguito al Royal Northern College of Music. Occasionalmente ha avuto la fortuna di beneficiare di lezioni private con Leon Fleisher, Peter Frankl e, naturalmente, il proprio padre. Ha debuttato nel 1° Concerto per pianoforte e orchestra di Čajkovskij con la London Symphony Orchestra, sotto la direzione di Richard Hickox al Barbican Centre di Londra. Da allora la sua carriera l’ha portato in giro per il mondo con opportunità di esibirsi in prestigiosi teatri in Europa, Australia, Nuova Zelanda, Giappone e America.

Parallelamente alla sua attività concertistica, si dedica con successo all’insegnamento. È docente presso l’Accademia Pianistica di Imola “Incontri col Maestro,” è, per la formazione “post-graduate”, presso il Conservatorio della Svizzera italiana. Nel 2012 diventa Direttore Artistico del Concorso pianistico Rina Sala Gallo di Monza.