Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Yoga Porte Aperte è una grande manifestazione nazionale dedicata alla diffusione dello Yoga, disciplina di consapevolezza oggi sempre più nota, ma non necessariamente conosciuta, promossa dalla YANI come avviene ormai da venti anni. Nel 2020 la manifestazione si svolgerà in tutta Italia durante il week-end del 25-26 gennaio, gli incontri saranno aperti a tutti.

A Brescia aderisce all’evento sabato 25 lAssociazione Centro Yoga Studio Brixia A.S.D. che da anni promuove la pratica, l’educazione e l’acquisizione dello yoga, e di altre modalità di movimento. Sabato 25 dalle 10 alle 11,15 e dalle 17,30 alle 18,30 nella sede di via Nazario Sauro 2/b una introduzione sull’importanza della postura di rilassamento, Shavasana, nella pratica yoga, conducono Vilma Galli, Giulia Dalè.

YANI è un’associazione di insegnanti yoga, pluralista, diffusa su tutto il territorio nazionale e con i suoi oltre mille soci è la più grande d’Italia. È iscritta nell’elenco delle associazioni professionali tenuto presso il MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico).

Durante le giornate di Yoga Porte Aperte ogni insegnante aderente all’iniziativa presenterà un proprio programma: incontri, conferenze, dibattiti, proiezioni di video e lezioni aperte.

Il pubblico, prenotandosi alle singole iniziative, avrà l’opportunità di conoscere gli insegnanti del proprio territorio, le loro proposte, le didattiche, i luoghi della pratica e acquisire le informazioni per poter scegliere l’insegnamento da frequentare, ma in ogni caso costituiranno un momento d’incontro nel segno dell’amicizia, della disponibilità e dello yoga, disciplina che pone al primo gradino del suo percorso la “non violenza”.

Per ogni informazione è possibile contattare la segreteria dell’Associazione:
tel.: 02 8361288 – e-mail: informa@insegnantiyoga.it

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *