Brescia. Il Gioco d’Azzardo Patologico è considerato una vera e propria patologia. “Mentre il giocatore tradizionale era facilmente individuabile, ghettizzato nei luoghi deputati al gioco, ora chiunque può essere un giocatore compulsivo senza che nessuno lo sappia, basta possedere un computer, il collegamento a internet e una carta di credito. Viene a mancare perciò, oltre alla funzione socializzante del gioco, l’effetto inibitorio del giudizio degli altri” (Lavenia, 2013).

Zer0verde è un servizio, in seno alla cooperativa Il Calabrone, semiresidenziale per il trattamento dei disturbi da gioco d’azzardo patologico, totalmente personalizzabile secondo le necessità degli utenti. Gli spazi, gli arredi e i colori accolgono in un luogo sereno e informale, dove ci si può prendere del tempo per sé senza essere giudicati.

Sabato 25 luglio si presenta, per chiunque sia interessato a scoprire alcune delle attività del servizio Zer0verde c’è la possibilità di sperimentarle in gruppi tematici di confronto, la partecipazione è gratuita previa iscrizione.

Inoltre dal 21 luglio apre lo sportello di ascolto, ogni martedì, presso zer0verde è presente un professionista per ascolto, consulenza sul gioco e indicazioni sui servizi presenti sul territorio

È rivolto a uomini e donne adulti e residenti in Italia con disturbo da gioco d’azzardo. Offre un contesto protetto e tutelante laddove il trattamento ambulatoriale non risulti sufficiente allo sviluppo di un progetto individualizzato La proposta terapeutica di zer0verde offre strategie differenziate in diverse aree (relazioni, famiglia, gestione del tempo e del denaro, lavoro, rapporto con il gioco) per garantire un servizio multiforme, completo e personalizzato. L’ingresso con divano, tavolino e possibilità di prepararsi un buon caffè sono il biglietto di benvenuto di zer0verde. Percorrendo il corridoio si incontrano spazi destinati ad attività specifiche: la zona rilassamento, la sala colloqui e lo spazio per le attività laboratoriali creative e di gruppo.

Le attività di zer0verde vengono organizzate tutti i giorni della settimananella fascia oraria compresa tra le 9 e le 22. Gli accessi avvengono previa certificazione di DGA (Disturbo da Gioco d’Azzardo) emessa da un servizio per le dipendenze (Ser.D, SMI, NOA) e previa autorizzazione di ATS che specifica impegno di spesa e periodo del programma terapeutico. È possibile inoltre concordare visite di conoscenza e incontri presso la sede accompagnati dal Responsabile del servizio o da un operatore.