Tempo di lettura: 2 minuti

“Da quasi due mesi stavamo viaggiando, zaino in spalla, per il sud-est asiatico: Cambogia, Thailandia, Vietnam. Giunti a Luangprabang, capitale del Laos ai tempi del colonialismo francese, siamo stati invitati a cena dal proprietario del nostro B&B, che in quell’occasione ci ha introdotti a Vong. Ragazzo di circa 30 anni, fra i pochi Laotiani che parlano inglese, sorridente ed entusiasta all’idea di poter conoscere dei suoi coetanei occidentali. L’empatia è stata immediata, e al momento del dolce stavamo già organizzando un trekking per i giorni a venire.”

E’ così che Andrea, spinto dall’entusiasmo di creare qualcosa di nuovo, ha pensato di creare un network di Locals, persone del posto che vogliano mettere a disposizione la propria esperienza e la propria conoscenza del territorio ai viaggiatori di tutto il mondo. Coinvolti nell’avventura con lui, ovviamente i compagni di studi, gli amici di sempre, quelli con i quali è bello sognare.. per poi mettere in pratica: Michele e Carlo.

Lo studio del progetto Zestrip, in questi mesi, è stato accurato e minuzioso, oltre a costruire un portale efficacie ed accattivante, i tre hanno pensato di “reclutare” i locals più accreditati, per ora nei posti che maggiormente conoscono, Milano e dintorni. Fino ad arrivare nel cremonese, loro patria d’origine.

Ma di cosa stiamo parlando? Di un nuovo modo di fare turismo. Un modo più personale ed unico, con l’aiuto di gente del posto. Gente che ha una passione, una competenza, una predisposizione o semplicemente tanto amore per la propria città e che voglia mettere a frutto le proprie conoscenze, offrendo un servizio. Si va dalla cena a casa della nonna che prepara i tortellini, alla mezza giornata con la super accreditata personal shopper che ci può far scoprire le boutiques più di nicchia, quelle che mai avreste pensato di visitare.

Il portale, in definitiva, vuole mettere in contatto i viaggiatori più esigenti con la gente del posto. Quante volte ci siamo detti “beh certo, girare una città con uno del posto è un’altra cosa“. Bene. questi tre ragazzi hanno reso possibile e molto facile questo approccio al viaggio, alla scoperta di un territorio, dal punto di vista totalmente locale, immersi nella cultura di un territorio.

Quindi come possiamo sfruttare questa possibilità? in due modi: cercando, e trovando, interessanti possibilità di svago, oppure diventando “local”, iscrivendosi al sito e raccontando le proprie propensioni, poi saranno i tre a suggerirci come meglio impostare la proposta.

Le attività per ora sono una cinquantina, ma l’idea è quella di “mappare” in questo modo tutto il territorio italiano. Una precisazione, questo sito non propone soluzioni si alloggio, ma solo “esperienze”, momenti di condivisione, lontano dalle solite visite guidate.

CONDIVIDI
Barbara Ponzoni
Barbara Ponzoni, laureata in lettere moderne. Scrive da sempre, per lavoro e per diletto. Attualmente è nella redazione di Popolis.it, Popolis rivista e VivereCremona.it.