sabato 13 Luglio 2024

Bookciak, vince il bresciano Matteo Papetti

Matteo Papetti, venticinquenne bresciano, vince con il suo ResoNumero0051, bookciak liberamente ispirato a Isometria della memoria di Davide Passoni, la dodicesima edizione di Bookciak, Azione! premio che trasforma in corti i libri dell’editoria indipendente presentati alla Mostra del cinema di Venezia.

Anche quest’anno, come da tradizione, il concorso cine-letterario ideato e diretto da Gabriella Gallozzi inaugura come pre-apertura, il 29 agosto, le Giornate degli Autori in collaborazione con SNGCI e Spi-Cgil. Il bookciak è realizzato grazie agli allievi del corso di Drammaturgia Multimediale 2022/2023 coordinato dalla docente Alessandra Pescetta per l’Accademia di belle arti (LABA) di Brescia.

Matteo Papetti
Matteo Papetti

Matteo è regista e sceneggiatore sviluppa interesse per il mondo del cinema già durante gli studi liceali come perito meccanico. Si iscrive all’Accademia di belle arti (LABA) di Brescia come studente di Scenografia in Cinema e Audiovisivo.

Nel 2022 firma la regia di Dear Brother, primo cortometraggio autoprodotto. Nel 2023, assieme ai compagni di corso, realizza sotto la supervisione di Alessandra Pescetta il cortometraggio ResoNumero0051 e ad oggi è nel vivo della post produzione di un cortometraggio sulla tematica dell’Alzheimer.

Davide Passoni, scrittore del libro da cui si ispira il giovane filmmaker, è vincitore a sua volta della seconda edizione di Bookciak Legge e premiato lo scorso aprile in Campidoglio, è presente al Lido di Venezia.

Sul palco dei vincitori insieme a Matteo Papetti e Davide Passoni ci sono Greta Amadeo, ventinovenne romana premiata per Fino alla fine dell’estate, bookciak liberamente ispirato a La mia amica scavezzacollo di Micol Beltramini e la ventitreenne di Thiene (Vicenza) e studentessa del CSC di Roma, Veronica Pellegrinet per Pozzanghere, liberamente ispirato a Sacro e urbano di Isabella Capurso.

La giuria, composta da Nichi Vendola, presidente di questa XII edizione del Premio, affiancato dai giurati Wilma Labate, Teresa Marchesi e Gianluca Arcopinto, ha assegnato anche una menzione speciale alla più giovane del gruppo, la diciassettenne di Udine, Anita Spivach per Pensiero, Ricordo, Memoria liberamente ispirato anch’esso a Isometria della memoria.

Dedicata alla memoria, ancora, è la speciale sezione Memory Ciak realizzata in collaborazione con Spi-CGIL, LiberEtà e Premio Zavattini. Ed è proprio la direzione di quest’ultimo concorso (composta da Antonio Medici, Aurora Palandrani e Milena Fiore) ad aver premiato il ventiquattrenne romano, studente del CSC, Riccardo Malleo per Presente dilatato, liberamente ispirato a Il volo del pettirosso di Alvise Fretti (LiberEtà).

Bookciak, Azione! è prodotto dall’Associazione culturale Calipso, Bookciak Magazine, Bookciak Legge, col sostegno di MIC, Spi-CGIL, LiberEtà Edizioni. In collaborazione con Giornate degli Autori – che aderiscono al protocollo Festival Green promosso da AFIC e sostenuto dalla DGCA del MiC – SNGCI, ANAC, Premio Zavattini, Premio Solinas, Nel Blu Studio, FICC. L’impegno a favore della sostenibilità ambientale è uno degli obiettivi primari del Premio.

 

 

Note sull'autore

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: