domenica 5 Febbraio 2023

I mercati dell’Avvento invadono Rubiera

Rubiera, Reggio Emilia – Frutto di una lunga tradizione secolare, i mercatini di Natale rappresentano ogni anno un momento magico e di festa in cui perdersi tra le luci, i colori e i sapori del periodo natalizio.

Quest’anno a Rubiera, arrivano per la prima edizione i Mercati dell’Avvento, promossi dal Comune.

Per due domeniche, l’ 11 e il 18 dicembre, dalle 9.00 alle 17.00, nel centro storico sarà possibile passeggiare tra le bancarelle degli espositori, degustare e conoscere le eccellenze enogastronomiche del territorio, acquistare prodotti di artigianato di qualità, scoprire il bric-à-brac e il vintage e prendere parte a diverse iniziative dedicate al territorio ed alle usanze natalizie, organizzate per adulti e bambini.

La città si prepara così alle festività con giochi, eventi ed esposizioni, mostrandosi nei suoi luoghi più belli, e rivelando al contempo i suoi volti meno noti.

Domenica 11 e 18 dicembre ai più piccoli sono dedicati gli incontri con Santa Lucia e Babbo Natale che porteranno dolci e piccoli regali. Si potrà inoltre trascorrere un po’ di tempo in compagnia di asini e asinelli con le diverse attività organizzate dall’Asineria di Reggio Emilia di Massimo Montanari ed Eugenia Dallaglio.

Bambini e bambine potranno anche prendere parte alla “Christmas School Decoration”, la grande caccia al tesoro per le vie e le vetrine del centro storico organizzata dall’APS Genitori Rubiera in collaborazione con i Commercianti del Centro Storico (18 dicembre, ore 10.30).

Per entrare maggiormente nello spirito natalizio non mancherà l’accompagnamento sonoro di Herberia Band, la banda musicale di Rubiera, che suonerà melodie natalizie lungo le vie del centro. Ci sarà anche l’inconfondibile musica degli zampognari, valore e simbolo delle tradizioni di Natale.

Per chi fosse interessato a questo singolare strumento, il musicologo e liutaio Paolo Simonazzi, tra i principali studiosi italiani della zampogna e di altri strumenti antichi come la ghironda, presenterà la zampogna palerà della sua storia e la suonerà in compagnia di Emanuele Reverberi (11 dicembre, ore 15.00). Anche le corali parrocchiali di San Faustino Rubiera e Gazzata allieteranno i visitatori con la rassegna di canti e melodie “Cantiamo il Natale” (18 dicembre, ore 20.30).

Numerose le proposte gastronomiche. Avis festeggerà il Natale offrendo ai visitatori vin brulè, cioccolata calda, tortellini fritti, polenta, gnocco fritto. Accanto alla proposta di tipicità locali, sarà possibile assistere alla sfida del piatto emiliano per eccellenza: il gnocco fritto. Durante la Gara di gnocco fritto tra Modena e Reggio, a cura di AVIS di Rubiera e Rina Poletti di Missione Mattarello (11 dicembre, 15.00), Emilio Maestri, Gran Maestro della Confraternita del Gnocco Fritto e del Convivio di Reggio Emilia, autore del libro di ricette del gnocco fritto, “Nuvole Fritte” cercherà di far luce sulle diverse produzioni di gnocco fritto nelle varie province emiliane.

I membri della Confraternita dell’Aceto Balsamico Tradizionale offriranno la possibilità di degustare i loro pregiati aceti e di prendere parte a visite guidate dell’Acetaia Comunale (11 dicembre, dalle ore 10.00).

Il botanico Villiam Morelli e l’agricoltore-attore Andrea Gherpelli esploreranno il mondo delle Erbe erbette erbacce ed erbazzoni, illustrandone i vari usi alimentari, le curiosità legate al mondo vegetale e accompagnando le parole con degustazioni di erbazzone (18 dicembre, ore 11.00).

Gianluca Borlenghi del Forno Borlenghi di Colorno (18 dicembre, ore 15.00) offrirà un primo assaggio dei sapori del Natale accompagnando i visitatori alla scoperta della storia e del gusto del panettone, capolavoro della pasticceria dalle antiche origini.

Nelle date dei Mercati dell’Avvento non mancheranno gli approfondimenti culturali.

Perché i reggiani sono chiamati “teste quadre”, o “Testi quedri”? Sarà Luciano Pantaleoni, autore del libro “Arsàn dentità e tradizioni reggiane” ad accompagnarci in visita all’identità reggiana proprio a partire da quei proverbi, modi di dire e storie tramandate di generazione in generazione (11 dicembre, ore 16).

Con il botanico Ugo Pellini poi si parlerà dell’albero di Natale e dei riti di questa festa (11 dicembre, ore 10.30): Abete rosso, Vischio, Agrifoglio, Pungitopo, da sempre simboli delle feste natalizie, sempreverdi dei nostri boschi di collina e di montagna.

E spazio anche al teatro. Grandi e piccini potranno assistere allo spettacolo con Maurizio Bercini “Caro Orco”, a cura di Cà Luogo d’Arte e della Compagnia Rodisio (18 dicembre, ore 17.00), o ascoltare l’attore Andrea Gherpelli che reciterà alcuni brani del poema cavalleresco “La Secchia Rapita” (11 dicembre, ore 15.00).

In programma anche una singolare attività ludica dedicata agli adulti: la “sfrenata” corsa dei cavalli a dondolo a cura di Zero Beat e della Compagnia degli Spavaldi, Primo Palio Ippico Città di Rubiera (18 dicembre, ore 15.00).

Infine, nella domenica del 18 dicembre ci sarà anche la possibilità di una visita guidata all’oratorio della Santissima Annunziata (alle ore 10) e alla chiesa parrocchiale dei santi Donnino e Biagio (alle ore 16) accompagnati da Vincenzo Mazzacani.

 

Note sull'autore

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: