venerdì 21 Giugno 2024

In direzione ostinata e contraria, a Brescia

Brescia – Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria, e avversa l’anestesia letargica delle coscienze, per chi non si adagia nella disaffezione dalla politica e non accetta facili revisionismi storiografici, per chi crede nella cultura della partecipazione e non si addormenta nell’obbedienza al conformismo acritico, ecco che nasce a Brescia una nuova associazione: Oltre il ponte.

Il suo nome si richiama al titolo di un testo di Italo Calvino, che fu musicato da Sergio Liberovici e diventò una suggestiva canzone.

Nei versi, un ex partigiano di rivolge a una “ragazza dalle guance di pesca” e le racconta di quando “oltre il ponte in mano nemica si vedeva l’altra riva, la vita, tutto il bene del mondo”, ovvero “l’avvenire di un mondo più umano, e più giusto, più libero e lieto”.

Nel rivolgersi a lei e a coloro “che non sanno la storia di ieri” si augura che le speranze di allora possano rivivere nelle sue, quindi non desidera tanto narrare gli eventi e i sentimenti vissuti ai tempi della Resistenza, ma invitare le nuove generazioni ad attrezzarsi per affrontare il presente, combattendo sul fronte dell’impegno sociale e politico.

Non si tratta di passaggi di tempo, quindi, ma di passaggi di consegne.

Ecco, in questa splendida utopia cantata stanno racchiuse le principali finalità di Oltre il ponte: proporsi come strumento di resistenza culturale, luogo in cui fare tesoro della memoria per opporsi alle analisi grossolane e alle semplificazioni distorte, che di questi tempi proliferano, relative al fascismo e ai fascismi, fare cultura e ricerca culturale inclusiva, dialettica, condivisa, partecipativa, orizzontale e democratica.

Per questo l’Associazione Oltre il ponte cercherà di offrire approfondimenti storici, occasioni di dibattito politico e riflessioni filosofiche, attenzione ai valori costituzionali, ai diritti civili e a quelli della pace e del lavoro, ma non mancheranno presentazioni di libri e appuntamenti con la letteratura, l’arte e la musica.

Le persone che danno vita a questo nuovo progetto, aperto all’apporto di chiunque sia interessato, sono ricche d’un bagaglio maturato in esperienze già svolte all’interno di altre associazioni, e da anni lavorano per contribuire alla costruzione di una cittadinanza attiva, critica e consapevole.

Ma la peculiarità di Oltre il ponte è un’altra: quella di porsi in dialogo con le realtà che fanno attualmente parte della Cooperativa Articolo Uno, la Nuova Libreria Rinascita anzitutto, ma anche altri soci che operano in diversi ambiti culturali, sociali e solidali, quali le cooperative Abibook, Co.ge.s.s., Il Calabrone, La Vela, La Rete.

L’intento ambizioso quindi è quello di porsi come polo culturale che faccia tesoro di quanto realizzato nel tempo da questo variegato arcipelago bresciano, in modo collaborativo e costruttivo.

Si tratta di un inedito soggetto plurale, che cercherà di essere un luogo in cui la cultura della partecipazione si delinei come filo conduttore di diverse energie, raccolte all’insegna dei principi dell’antifascismo, della democrazia, della solidarietà, della giustizia sociale e del perseguimento del bene comune.

Note sull'autore

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: