martedì 16 Aprile 2024

Pasqua da buongustai a Polesine Parmense

Polesine Parmense, Parma – Pasqua e Pasquetta all’Antica Corte Pallavicina sono la festa del gusto e della natura, che si risveglia verdissima sulla golena del fiume Po, nel cuore della campagna della Bassa parmense.

Le tante anime della corte – il castello del 1300 con le sue eleganti sale, il relais con 11 raffinate camere, il ristorante stellato, il bistrot coi piatti tipici, il Museo del Culatello e del Masalèn e le cantine del 1320 che custodiscono 5000 prelibati Culatelli – si fondono per dar vita a un weekend lungo all’insegna del relax e del buon cibo.

L’Antica Corte Pallavicina può essere sia il punto di partenza ideale per andare alla scoperta della bella Parma e dei suoi tesori (gastronomici e culturali), sia un intimo rifugio per un soggiorno dedicato al dolcefarniente, trascorrendo giornate oziose e rigeneranti. Dalle passeggiate nel bosco di golena fino alle rive del Grande Fiume ai menu pensati per la Festa, da gustare in chiave gourmet nell’omonimo ristorante (1 stella Michelin) o in versione più tradizionale all’Hosteria del Maiale.

Al ristorante stellato Antica Corte Pallavicina, la domenica di Pasqua (31 marzo) inizia verso le ore 12.30 con un aperitivo di benvenuto e la visita guidata alle cantine di stagionatura del Culatello – le più antiche al mondo ancora attive, risalenti al 1320. A tavola verranno poi serviti: Il Culatello Platinum degli Spigaroli e L’uovo a guscio bianco pochè su purea di fave, piselli e piccoli germogli, accompagnati dal Bianco Po 2021; Il raviolo di Culatello, asparagi e bietoline e Gli anolini del a tradizione in brodo di gallina fidentina abbinati al Rosso del Motto 2022; Il carré di agnello al profumo di Santoreggia, erba pasqualina e ortaggi sarà esaltato dal Carlo Verdi Riserva 2019. Infine, L’ovetto di cioccolato, caramello, mousse di latte e pralinato di nocciola con il Tre Preti passito; La piccola pasticceria, i caffé e gli infusi di Corte. Prezzo di 135 euro per persona.

Attraversando l’aia si raggiunge con pochi passi l’Hosteria del Maiale, il bistrot della tradizione, che dà il benvenuto con L’universo dei salumi Spigaroli accompagnati dalla giardiniera di corte (fatta con le verdure dell’orto); I tortelli di erbette alla parmigiana; Gli gnocchi pasqualini; L’oca e salsiccia; L’agnello cornigliese con le patate; I dolci dell’Hosteria, i caffè e i digestivi. In abbinamento ai piatti saranno serviti i vini dell’Antica Corte Pallavicina. Prezzo di 70 euro per persona.

Per Pasquetta invece (lunedì 1 aprile), pranzo a buffet dalle ore 12, che si svolgerà all’aperto nell’aia (in caso di maltempo all’Hosteria del Maiale), con il Culatello Spigaroli, coppa, strolghino, salame gentile, mariola, spalla cotta, prete, focacce e pani di campagna; La minestra di grani antichi; Gli gnocchi pasqualini con soffritto di pomodoro e salsiccia di Spigarolino; Dal forno di Corte gli arrosti, le salsicce e le patate; Le insalate dell’orto; I dolci caserecci, in abbinamento ai vini di produzione propria, acqua e caffè, infusi di bacche. Prezzo di 73 euro per persona.

 

 

Note sull'autore

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: