martedì 21 Maggio 2024

La casa delle farfalle

Darfo Boario Terme, Brescia. Sbarca per la prima volta in Valle Camonica la Casa delle Farfalle, un luogo magico dove poter vivere un’esperienza unica, originale, emozionante, didattica e culturale, a diretto contatto con alcune delle farfalle esotiche più belle del mondo.

Il museo itinerante resterà aperto dal 25 marzo al 2 aprile, con inaugurazione ufficiale sabato 26 marzo alle ore 15, all’Istituto Ungaretti di via Ghislandi 25 a Darfo Boario Terme. L’evento è organizzato da Loretta Tabarini per PromAzioni360, con la collaborazione dell’Amministrazione Città di Darfo Boario Terme e dei Commercianti de La Cittadella Shopping Center.

Fulcro dell’esposizione è la “serra delle meraviglie”, una cupola geodetica di 50 metri quadrati in cui si potranno osservare numerose specie di farfalle: dalla splendida Morpho blu del Costa Rica alle Caligo o “farfalle civetta”, dalle meravigliose Papilio rumanzovia delle Filippine alla Idea leuconoe, detta “farfalla aquilone” per la leggiadria del suo volo, fino all’incredibile Falena-cobra, l’Attacus atlas, che con i suoi 30 centimetri di apertura alare viene considerata la più grande al mondo.

Una vera e propria esperienza immersiva, dal momento che i visitatori non ammireranno gli splendidi lepidotteri dall’esterno di una teca, ma cammineranno nella “Butterfly house” circondati da farfalle in volo, mentre depongono le uova, si alimentano e si “corteggiano” in una danza magica. E, con un po’ di fortuna, potranno assistere allo schiudersi della crisalide. Lo staff fomato da biologi ed entomologi qualificati fornirà tutte le informazioni e offrirà visite guidate gratuite alla scoperta dell’intero ciclo vitale della farfalla, con l’aiuto di alcuni studenti dell’IISS Olivelli Putelli

“Si tratta di un evento unico per la Valle Camonica – spiega l’organizzatrice Loretta Tabarini, presidente di PromAzioni360 –, dedicato a tutti, grandi e bambini, ma soprattutto alle scuole. Sensibilizzare il grande pubblico, e soprattutto le scolaresche, verso un maggiore rispetto e tutela dell’enorme biodiversità, è infatti uno degli obiettivi di questo Museo itinerante. Così come introdurre i visitatori al concetto di “sviluppo sostenibile”: la maggior parte delle farfalle proviene infatti dalle “Butterfly farms”, veri e propri allevamenti realizzati nei Paesi d’origine – Africa, Asia, Centro e Sud America -, con conseguenti ricadute positive sia sull’economia di questi Paesi che sulle condizioni di conservazione dei relativi habitat”.

Il Museo “Lepidoptera – Nel Mondo delle Farfalle” è nato nel 2007 da un’idea di Antonio Festa, che ha sempre nutrito una grande passione verso lo spettacolare e sconfinato mondo degli insetti, ed in particolare delle farfalle. Nell’organizzare la struttura, si è optato per una impostazione museale che puntasse ad un maggiore impatto emotivo che potesse favorire e rendere più piacevole la didattica e l’apprendimento del meraviglioso ciclo di vita di queste creature: rendere, cioè, “vivo” il Museo.

Note sull'autore

Valerio Gardoni
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: