Tempo di lettura: 3 minuti

Brescia. A rendere magica la notte di Natale la quattordicesima edizione de La Dodicesima Notte presenta la tradizione in città grazie alla nuova collaborazione instaurata con l’associazione Palco Giovani e la rassegna Us da le As .

Un sodalizio più che azzeccato quello tra La Dodicesima Notte, che da oltre quindici anni valorizza i  Canti della Stella e Us da le As – mirata al linguaggio dialettale. La serata che si terrà domenica 22 dicembre, alle ore 16.00, nel Teatro della parrocchia di S. Giovanni Evangelista nel cuore di Brescia è l’occasione perfetta per far conoscere una tradizione così sentita e presente nella provincia di Brescia anche nel suo capoluogo.

I Canti della Stella sono una tradizione caratteristica del periodo natalizio e non sufficientemente valorizzato nel bresciano. Un rito che si perpetua da secoli, ricco di magia e di quel fascino dato dalla notte, in cui decine di cantori si muovono per le vie dei piccoli borghi della Valle Sabbia, dell’Alto Garda e della Valle Trompia, sono oltre 40 i gruppi recensiti dall’Associazione Culturale Choros, cantando l’annuncio del Bambino che è nato e dell’arrivo dei Magi per adorarlo, seguendo una grande Stella. Una stella che gli stessi cantori portano fieri per le strade a guidare anche il loro cammino. Una stella luminosa costruita con legno, carta colorata e vetro e, in molti casi, rotante. Evento atteso dagli abitanti e da tutti i luoghi in cui questo rito si svolge.

La ricerca di Choros verso una mappatura completa ed il più possibile capillare della tradizione nella provincia, ha portato a scoprire esperienze riconducibili alla tradizione in Valle Sabbia – dove si ha la più grande presenza di gruppi che ancora oggi svolgono regolarmente il rito del Canto della Stella, nell’Alto Garda in cui si hanno significative presenze e in Valle Trompia seppur con minor regolarità e ritualità nello svolgimento della tradizione.

Con l’anteprima cittadina Choros porta in scena I Canti della Stella nel Bresciano per diffondere e far conoscere ad un pubblico sempre più ampio questo antico rito. Sarà uno spettacolo in cui 5 gruppi di cantori della Stella di Agnosine, Comero, Inzino, Vallio Terme e la Giovane Stella di Pompegnino faranno ascoltare al pubblico i propri canti tradizionali, alternati dalle letture a cura di Gabriele Reboni che accompagnerà il pubblico immergendolo nello spirito della tradizione e del Natale.

L’occasione, nel corso della serata, sarà anche quella di presentare ufficialmente il CD “Il Canto della Stella. La tradizione in un’unica raccolta”. Un preziosissimo doppio CD che raccoglie ben 21 canti della tradizione eseguito da tutti i cori coinvolti dall’Associazione Culturale Choros nel progetto di valorizzazione del rito. La prima raccolta di completa di tutti i canti del bresciano è stata curata dall’Associazione Culturale Choros con la supervisione tecnica del noto cantautore bresciano Charlie Cinelli in collaborazione con l’Associazione Palco Giovani e Diffusione Arte.

Sul palcoscenico del Teatro S. Giovanni andrà via via a crearsi un grande coro composto da oltre 100 cantori, che regaleranno al pubblico un indimenticabile finale per augurare alla città un sereno Natale attraverso la musica e lo spirito comunitario che caratterizza la tradizione del Canto della Stella.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *