martedì 16 Aprile 2024

Storie, paesaggi e persone trai due fiumi

Calvatone, Cremona. Dopo il grande successo dell’anno scorso, la destinazione Oglio Po riapre le visite guidate e gli eventi gratuiti sul territorio. Con ben cinquantacinque appuntamenti in programma si toccheranno quaranta località della terra tra i due fiumi con una molteplicità di proposte che abbracciano tutte le età e gli interessi.

Si inizia a febbraio e si concluderà a giugno dopo aver spaziato tra musei, chiese, palazzi antichi e laboratori artigianali, senza trascurare degustazioni di prodotti tipici e passeggiate nella natura.

Le proposte di quest’anno ruotano attorno alle tre tematiche che definiscono lo slogan scelto per la destinazione Oglio Po: storie, paesaggi e persone trai due fiumi. I partecipanti avranno la possibilità esclusiva di immergersi nei racconti locali, incontrare personalità significative e perdersi nei paesaggi di pianura, tanto famigliari, quanto sconosciuti dal punto di vista naturalistico.

Tutti gli eventi sono gratuiti, ma è necessario prenotarsi sul sito eventi Oglio – Po. Ogni tour sarà attivato solo al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti ed è soggetto a un limite massimo di iscrizioni. Gli interessati sono pertanto invitati a registrarsi con responsabilità per evitare di occupare posti impedendo a chi è in lista d’attesa di partecipare.

Si parte con il fine settimana del 17 febbraio da Castellucchio, con la visita al museo dello scolaro, per poi continuare con una passeggiata nella lanca di Pomponesco. La settimana successiva sarà la volta di Acquanegra sul Chiese, dove si scopriranno le suggestive caratteristiche di antichi mosaici, e ancora Isola Dovarese, borgo gonzaghesco custode di dolci prelibatezze, Gussola e la sua natura golenale e Sabbioneta con la storia di uno degli uomini simbolo del rinascimento locale.

Questi eventi sono già prenotabili sul sito eventi Oglio – Po che nelle prossime settimane si arricchirà di nuovi appuntamenti fino a giugno.

“Dopo il successo dello scorso anno era quasi doveroso riproporre quest’esperienza,” dichiara Domenico Maschi, Presidente del GAL Oglio Po. “Questi appuntamenti, parte del progetto Green & Blue finanziato da Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, riprendono il percorso tracciato dal progetto Destinazioni Rurali. Avremo anche il piacere di includere alcune passeggiate nel Parco Regionale Oglio Sud, partner del progetto, che saranno ancora più belle con l’arrivo della primavera.”

Come ha ricordato il Direttore del GAL Oglio Po Giusy Botti, “Abbiamo avviato i progetti Destinazioni Rurali prima, Green & Blue poi, per valorizzare la ricchezza e la varietà dei nostri luoghi, spesso sconosciuti anche a chi vi abita. L’obiettivo essenziale di questo progetto è quello di rendere noto il patrimonio culturale e tradizionale di questa zona attraverso un turismo esperienziale, bikefriendly e sostenibile. L’ufficio destinazione Oglio Po sta lavorando attivamente e solo pochi giorni fa il nostro destination manager è intervenuto al Forum Economico Cremonese per parlare di turismo e identità. L’Oglio Po è terra di confine, metà a Cremona e metà a Mantova, e si è sviluppata nell’abbraccio di tre fiumi, l’Oglio, il Po e il Chiese; ognuno di questi elementi ha portato in dono peculiarità precise che si sono mescolate creando caratteri e ricchezze uniche. Il nostro obiettivo è mostrarle al mondo.”

Note sull'autore

Valerio Gardoni
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: