domenica 14 Luglio 2024

Tener a Mente, il festival sospeso sul panorama del lago di Garda

Gardone Riviera, Brescia. Un luogo sospeso tra arte, cultura, natura e bellezza, con una magnifica vista panoramica sul Lago di Garda l’anfiteatro del Vittoriale ospita la tredicesima edizione del festival Tener-a-Mente, dal 22 giugno al 29 luglio con un fuori cartellone dal 17 al 29 settembre.

Restituito al pubblico nel 2013, dopo un importante intervento di risanamento idrogeologico, l’anfiteatro è oggi un meraviglioso gioiello del Parco del Vittoriale. Il festival Tener-a-Mente si svolge difatti in un contesto ricchissimo di storia nel suo meraviglioso parco, eletto nel 2012 “Parco più bello d’Italia”.

“Tener-a-mente“, gioco di parole dannunziano, è l’evoluzione più recente del Festival del Vittoriale, storica rassegna di spettacoli che ogni estate porta sul palcoscenico dell’anfiteatro all’aperto i più grandi artisti nazionali e internazionali. Fin dal nome, la manifestazione rende omaggio al padrone di casa, senza ossequi polverosi o filologici, ma ispirandosi al quel che era il suo gusto raffinato per la bellezza e la modernità.

Grandi nomi della musica e dello spettacolo internazionale presentano manifestazioni esclusive in un luogo ricco di arte, storia e natura. L’edizione 2024 non terminerà domenica 29 luglio, ci sarà difatti un fuori cartellone con ospite Biagio Antonacci dal 17 al 29 settembre.

Una conca marmorea sotto le stelle“: così il poeta Gabriele d’Annunzio immaginava il teatro ideale per rappresentare i propri spettacoli, naturalmente immerso nella splendida cornice del Vittoriale, sull’esempio di quello di Wagner a Bayreuth. Dannunzio non vide la fine del suo progetto immaginato, l’anfiteatro, dopo anni dalla sua scomparsa, l’8 agosto 1953 venne solennemente inaugurato con un concerto dell’Orchestra del Teatro alla Scala diretta da Carlo Maria Giulini.

Note sull'autore

Valerio Gardoni
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: