venerdì 12 Luglio 2024

Una mostra diffusa per lo scultore Giuseppe Bergomi

Brescia. La mostra diffusa tra il Museo di Santa Giulia e il Grande miglio in Castello rende omaggio a Giuseppe Bergomi, uno dei maggiori esponenti della scultura figurativa contemporanea, attraverso 84 opere che ripercorrono l’intera carriera dell’artista bresciano. “Giuseppe Bergomi. Sculture 1982 / 2024” dal 12 luglio al 1 dicembre.

Il percorso, ordinato cronologicamente, prende avvio dal 1978, anno in cui Bergomi esordisce alla Galleria dell’Incisione di Brescia con una mostra di soli dipinti, uno dei quali, Ritratto di famiglia, apre anche l’attuale rassegna.

L’evento, fondamentale per la sua carriera, lo convinse a lasciare la pittura per la terza dimensione. Nel 1982 dunque, sempre alla Galleria dell’Incisione, Bergomi realizza una personale con le prime terrecotte policrome, dalle quali, vista la presenza come modella della moglie Alma, si evince già l’importanza del biografico nella produzione dell’artista.L’esposizione prosegue con sculture del calibro di Bagnante addormentata (1991) e Grande nudo di adolescente (1991), opere emblematiche della fase in cui, a cavallo tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta del secolo scorso, le terrecotte di Bergomi abbandonano il colore, richiamando piuttosto la tradizione scultorea antica, in particolare quella etrusca.

Dagli anni Duemila, Bergomi passa dalla terracotta al bronzo, dando vita a una nuova fase del suo lavoro in cui il colore, seppur su un nuovo supporto materico, torna a essere elemento caratterizzante. Tra le opere esemplari Interno di bagno con figura femminile (2001), Autoritratto (2004). Tra le creazioni spicca la grandiosa Ellisse, allestita negli spazi esterni del Museo di Santa Giulia, in un suggestivo dialogo tra i volumi e le architetture del monastero.

La mostra prosegue con le sculture più recenti, quando Bergomi accetta la sfida di confrontarsi con la statuaria pubblica attraverso opere quali Uomini, delfini, parallelepipedi realizzata nel 2000 per l’acquario di Nagoya in Giappone o il monumento dedicato a Cristina Trivulzio di Belgiojoso, prima scultura pubblica mai dedicata a Milano a una donna.
Chiudono idealmente la mostra la magnifica Africa con violoncello, esposta alla Biennale di Venezia del 2011, e l’opera inedita Colazione a letto (2024) che, attraverso la raffigurazione della moglie, delle figlie e delle nipoti, rende omaggio a tre generazioni della sua famiglia.

Note sull'autore

Valerio Gardoni
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

Seguici

3,370FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: