Soragna, Parma. La Giornata Europea della Cultura Ebraica coinvolgerà quest’anno, in Italia, ben ottantuno località da nord a sud, dove si terranno oltre cento appuntamenti culturali. Un evento promosso con crescente successo dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, a testimoniare la diffusa richiesta di conoscenza e approfondimento sull’ebraismo. Un appuntamento importante, in un periodo nel quale la necessità di costruire percorsi di dialogo tra le diverse fedi che compongono il mosaico culturale della nostra società è sempre più stringente.

In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica la Comunità ebraica di Parma, promuove un programma speciale di iniziative, aperte al pubblico liberamente, che si terranno domenica 10 settembre. L’edizione 2017 si presenta con un tema forte e incisivo, che accomuna le iniziative nei trentacinque Paesi europei che aderiscono, dal titolo “Diaspora: Identità e dialogo”.

A Soragna, il Museo Ebraico Fausto Levi , piccolo tesoro di vita e bellezza ebraiche del territorio, unico nel suo genere e tra i più significativi d’Italia sarà aperto al pubblico dalle ore 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 17.30.

Il programma più corposo dell’iniziativa si svolgerà a Parma . La Sinagoga di Parma di vicolo Cervi 4, normalmente chiusa, sarà aperta alla cittadinanza dalle ore 10 alle ore 12. Per prenotarsi jewishparma@gmail.com.

Dalle 17.30 all’Auditorium della Casa della Musica è previsto un ricco programma in collaborazione con il Comune di Parma con l’autrice Carolina Delburgo che presenterà al pubblico il libro “Come ladri nella notte, la cacciata dall’Egitto” in cui racconta la storia drammatica della sua famiglia, quando, nel 1956, fu cacciata, in quanto ebrea, dall’Egitto di Nasser.

Attraverso l’avvincente narrazione di una protagonista di questa recente diaspora si rifletterà su un tema millenario ma anche sulla questione delle migrazioni e dei conflitti che attraversano l’Africa e il Medio Oriente. L’autrice allora era una bambina di dieci anni, ma il ricordo della sua vita in Egitto e della rocambolesca fuga è ancora vivido. A dialogare con lei la professoressa Marcella Emiliani, giornalista e storica tra le maggiori esperte in tema di Medio Oriente.

L’incontro sarà preceduto dai saluti istituzionali dell’Assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra e di Giorgio Yehuda Giavarini, presidente della Comunità Ebraica di Parma. Conclusioni di Victor Magiar, consigliere dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

Seguirà, intorno alle 19.30, un buffet di assaggi della cucina ebraica presso il Caffè del Prato della Casa della Musica, offerto agli ospiti dalla Comunità Ebraica di Parma.

Alle ore 21, presso la Sala dei concerti della Casa della Musica, si esibirà in concerto il Maestro Riccardo Joshua Moretti. Il recital inedito di Moretti, in collaborazione con il sound designer Giovanni Nulli, accompagnerà il pubblico in un viaggio nelle varie espressioni ebraiche e, attraverso il linguaggio musicale, metterà in luce la reciproca contaminazione tra culture lontane riuscendo a definire quei generi entrati a far parte della Cultura Ebraica.

Lo spettacolo si avvarrà delle nuove tecnologiche per dare allo spettatore la possibilità di immergersi, in modo multisensoriale, nelle varie atmosfere della tradizione musicale ebraica.