Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Il violino ha un’anima. E non solo in senso spirituale o filosofico. Così infatti si chiama un piccolo ma fondamentale cilindretto di legno che si trova all’interno della cassa armonica, stando a contatto con la tavola e con il fondo, mettendoli in risonanza. Ma il violino ha più anime anche dal punto di vista espressivo.

E se STRADIVARIfestival è la manifestazione che esalta l’anima “classica” degli strumenti ad arco, questa seconda edizione dei Concerti all’Auditorium del museo del Violino dal 9 febbraio al 6 aprile, non a caso sottotitolata l’altra anima del violino, vuole per contro evidenziarne le altre sfumature di linguaggio.

Ecco allora I Violini dei Berliner Philharmoniker, l’orchestra più famosa e blasonata del mondo, quella di Karajan, Abbado e Rattle, che per questo progetto si rimettono in gioco, il sabato 9 febbraio alle ore 21, con il loro ensemble d’archi per presentare il loro lato più divertente e divertito, interpretando un programma assolutamente sorprendente e inusuale, dal punto di vista stilistico.

E poi un violinista come Alessandro Quarta, sabato 2 marzo alle ore 21, dalla formidabile versatilità, che con il suo quintetto reinterpreta Piazzolla e il suo “nuevo tango”.

Ma il suono del violino ben si presta anche a diffondere il linguaggio del jazz e della musica fusion, come dimostrerà Jean-Luc Ponty, sabato 6 aprile alle ore 21, vero e proprio antesignano e campione del genere, qui impegnato con il suo trio.L’Auditorium del museo riafferma ed esalta il ruolo di Cremona capitale del violino e della musica a livello internazionale. Cardine della costruzione è la volontà di offrire ad ognuno dei 460 ascoltatori un’esperienza immersiva e totalizzante. La geometria degli spazi affianca volumi morbidi; linee sinuose si rincorrono e disegnano una grande scultura organica che esprime il propagarsi delle onde sonore.

La particolare architettura della sala regala un’ultima suggestione: il palco è al centro della scena, il pubblico ‘avvolge’ i musicisti, il dialogo che si crea tra spettatori ed esecutori produce una forte empatia e consente di vivere una esperienza nuova, di intensità e qualità sensibile assai superiore rispetto al concetto classico di concerto.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *