Tempo di lettura: 3 minuti

Al Liceo artistico Preziotti-Licini di Fermo (nelle Marche) la creatività trasforma la filosofia in strumento di inclusione, contro ogni diffuso scetticismo, nel primato della promozione della cultura scolastica dell’accoglienza.

Dalla pratica alla teorizzazione ad uso comune, Agnès Picot, insegnante di sostegno per gli alunni con disabilità, in servizio dal 2016 presso il Liceo artistico, sede di Fermo, ha portato a termine una impresa singolare: ragionando di filosofia con i propri allievi con disturbi dello spettro autistico, ha trasformato in fumetto i concetti cardine delle lezioni curricolari, per dar vita ad un manuale che, da semplice dispensa composta di unità didattiche per la prassi, si è tradotto in un prestigioso lavoro editoriale unico nel genere, “Ragioniamo con i filosofi 3, Da Schopenhauer a Freud”, libro di testo per percorso didattico differenziato.

Un vero libro di testo, ma semplificato e ridotto, con esercizi. Confidando nella collaborazione dei colleghi, in primo luogo dalla docente di filosofia del Liceo artistico Maria Pamela Bulgini e dei professori di sostegno Simona Quondamatteo e Gennaro Avano, dopo aver sperimentato da anni la fatica di organizzare i contenuti senza potersi affidare a materiali didattici specifici e rivolti agli alunni con grave disabilità, ha tirato i remi in barca e ha pensato di colmare una carenza.

Ne è scaturito un libro di filosofia semplice, per la scuola secondaria di II grado, adatto agli alunni nello spettro autistico perché le immagini a fumetto hanno la funzione di fornire un supporto alla comprensione, un ancoraggio alla memorizzazione, sanno motivare, è consentito riposarsi colorando dopo lattività.

Il bisogno di porsi domande è una necessità esistente anche nella disabilità intellettiva. Nato dall’esperienza, questo testo è stato testato sul campo, è stato utilizzato con profitto con diversi ragazzi con disabilità intellettiva, con gravi difficoltà di apprendimento e/o di comunicazione, ogni volta con risultati sorprendenti”, che lasciano intendere come tutti abbiano esigenza di farsi domande di senso sulla realtà. La filosofia è una disciplina che si presta al compito: potersi inserire in una conversazione comprendendo o citando nomi e pensieri di filosofi, esprimere la propria opinione nel contesto della classe al pari degli altri, attribuisce il vero valore all’inclusione.

Plurispecializzata, Agnes Picot ha insegnato principalmente a ragazzi dello spettro autistico con grave disabilità intellettiva e ad alunni con gravi difficoltà di apprendimento, di comunicazione e di relazione, che seguono un percorso didattico differenziato: per questo ha maturato una notevole competenza.

Ma è stato anche il clima del Liceo artistico a consentirle di “creare” uno strumento del tutto originale ed inedito.

Titolare del sito http://www.sostegno-superiori.it -che in due anni ha raggiunto più di 2 milioni di visualizzazioni- nel 2020 ha pubblicato il volume Vivere e lavorare in un Ambiente sicuro, Percorsi di PCTO sulla sicurezza”, collana Obiettivi differenziati. Nel 2021, Agnes Picot ha già pubblicato “La Divina Commedia semplice semplice, L’Inferno, libro di testo per percorso didattico differenziato”, pubblicato dalla Cooperativa sociale Ecoama di Fermo che da sempre si occupa di promuovere lintegrazione sociale e lavorativa nelle persone con disagio.

Una produzione tutta fermana, frutto di scelte ponderate, nate da una difficoltà, quella di trovare un editore disposto a pubblicare manuali così utili ma che non corrispondono alle aspettative del mercato, perché l’inclusione scolastica è fenomeno ancora recente.

Ha vinto due volte il Concorso di blog 2010 e 2011 (FIPF). Nel 2019 ha pubblicato il poster Il Progetto di Vita di un Ragazzo nello Spettro autistico” nella sezione Buone Prassi del Convegno Inclusione didattica e sociale di bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico (ODFlab, Trento).