Tempo di lettura: 5 minuti

Nella 3ª giornata di andata del campionato di serie B girone B una coppia rimane al comando a punteggio pieno. Si tratta della WithU Bergamo (Ihedioha 22) che si impone nel testa-coda sul campo della LuxArm Lumezzane (Mastrangelo 21) e la Gemini Mestre (Drigo 19) che spazzano via i brianzoli del Rimadesio a cui non sono bastati i 23 punti di Molteni.

Alle spalle della coppia lombardo-veneto ben 7 formazioni sono ad un passo dalla vetta; si tratta della Rimadesio sconfitta nel match clou di giornata sul campo della compagine veneziana, la Gesteco Cividale del Friuli (Battistini 27) che dopo un overtime si impongono sul campo della Green Up Crema (Esposito 18) che cade dopo 2 vittorie consecutive, la Tenuta Belcorvo San Vendemiano (Vedovato 23) che si aggiudica il derby in casa contro il fanalino di coda Antenore Energia Padova (Bocconcelli 19), la JuVi Ferraroni Cremona (Preti 20) che passa agevolmente sul campo della neopromossa Secil Costruzioni Edili Jesolo a cui non bastati i 21 punti di Bovo di cui 17 nei primi 2 quarti ed infine la Civitus Allianz Vicenza (Piccone 19) che cede malamente in casa della Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda (Filippini e Rubbini 18) che aggancia in classifica i berici.

Appena sotto troviamo il quartetto composto da Caffè Agostani Olginate (Negri 21) che batte una mai doma e pari classifica Bologna 2016 a cui non sono bastati i 21 punti di Galassi ed infine la Pontoni Monfalcone (Prandin 20), che di misura piega il fanalino di coda Lissone Interni Bernareggio (Di Meco 24), che rimane fermo al palo al pari di Antenore Energia Padova e LuxArm Lumezzane.

Crema (CR) – Prima sconfitta stagionale per la Green Up Crema che davanti al pubblico amico cede nel match clou contro la Gesteco Cividale del Friuli al termine di una battaglia e che ha visto i friuliani imporsi dopo un tempo supplementare con il punteggio finale di 98 a 101.

Per questa gara coach Ghizzinardi deve ancora una volta rinunciare all’infortunato Konteh e schiera il collaudato starting five composto da Ziviani, Venturoli, Esposito, Del Sorbo e Cernivani; mentre dall’altra parte coach Pillastrini reduce dal ko esterno sul campo di Bergamo risponde con Rocchi, Battistini, Rota, Chiera e Miani. La gara dopo un inizio punto a punto vede un primo mini allungo dei padroni di casa che con un canestro di Cernivani vola sul 16 a 9 al 5′; ma Cividale non cede e con 2 triple di Chiera si riporta a -3. Nel finale di tempo la Green Up grazie a 2 triple consecutive di Venturoli e Cernivani allunga sino a toccare un vantaggio in doppia cifra ed il 1° tempo si chiude sul punteggio di 28 a 17. Nella 2ª frazione una tripla di Rocchi ed un canestro di Paesano riportano la Gesteco a -6, ma Venturoli e Bianconi dall’arco respingono il rientro ospite ed il vantaggio torna in doppia cifra sino a 14 lunghezze, mentre il tempo si chiude sul 45 a 33 grazie ad un canestro di Paesano.

Al rientro dopo la pausa lunga parte bene la Green Up che si invola sino a +17 sul 50 a 33 con una tripla di Ziviani ed un canestro di Cernivani, ma a questo punto la Gesteco riapre i giochi e al 28′ con Chiera opera il sorpasso sul 55 a 56, mentre il 3° periodo si chiude con gli ospiti avanti di un possesso pieno sul 60 a 63 e con Bianconi che sbaglia i 2 tiri liberi del possibile -1. L’inizio dell’ultima frazione si apre con le triple di Chiera e Luca Montanari ma è Esposito l’arma in più a disposizione di coach Ghizzinardi e l’ex juvino riporta a -1 sul 69 a 70 al 35′, ma gli ospiti sono decisi e poco dopo Rota e Battistini spingono la squadra di coach Pillastrini sul 69 a 76. Sembra fatta ma Crema non è da meno e poco dopo i rosanero operano il sorpasso ma sul capovolgimento di fronte Rota piazza la tripla del +2 quando mancano 14” costringendo coach Ghizzinardi al time out. Al rientro dopo la breve pausa Cernivani a 5” dalla fine pesca il jolly e manda le squadre all’overtime realizzando l’84 pari.

Nell’extra time la Green Up con i tiri liberi di Seck ed uno di Montanari rimette la testa avanti per l’ultima volta sull’87 a 84, poi gli ospiti ribaltano il punteggio e si involano sul +7; sembra fatta ma Crema non cede e con Esposito, Luca Montanari e Bianconi si riportano a -2, ma sul capovolgimento di fronte Rota a 5” dalla fine sigla dalla lunetta un tiro libero su 2 e sul rimbalzo Cernivani sbaglia la tripla del possibile 2° overtime.

GREEN UP CREMA-GESTECO CIVIDALE DEL FRIULI 98-101
PARZIALI: 28-17, 45-33, 60-63, 84-84
GREEN UP CREMA: F.Montanari 5, Ziviani 6, L.Montanari 16, Venturoli 15, Mercado Sanchez n.e., Collini n.e., Esposito 18, Bianconi 13, Seck 7, Carinelli n.e., Del Sorbo 2, Cernivani 16. All.: Ghizzinardi.
Nessuno uscito per 5 falli.
GESTECO CIVIDALE DEL FRIULI: Balladino n.e., Rocchi 11, Furin n.e., Paesano 8, Battistini 27, Rota 19, Cassese 6, Chiera 24, Miani 4, Micalich 2. All.: Pillastrini.
Usciti per 5 falli: Miani 35′ (69-70), Chiera 43′ (87-93) e Rocchi 45′ (88-95).
ARBITRI: Giordano di Gela (CL) e Licari di Marsala (TP).

Jesolo (VE) – Seconda vittoria consecutiva per la Juvi Ferraroni Cremona che si impone senza grossi problemi sul campo della Secil Costruzioni Jesolo con il punteggio finale di 61 ad 88.

Per questa gara coach Crotti si affida al collaudato starting five composto da Nasello, Preti, Fumagalli, Gobbato e Bona; mentre dall’altra parte coach Teso risponde con l’ex Sipala, Malbasa, Busetto, Grani e Rossi. La gara si mette subito in discesa per i gigliati che con un positivo Nasello vola sullo 0 ad 11 dopo 4’, poi Jesolo con Bovo si sblocca ma è sempre la Ferraroni a dettare legge e nel finale Preti spinge gli ospiti a sfiorare le 20 lunghezze mentre il quarto si chiude sul punteggio di 10 a 26. Il 2° periodo si apre con la tripla dell’ex Sipala ma il divario tra le due squadre è sempre ampio e con i padroni di casa che si affidano all’immarcabile Bovo che chiuderà il quarto con 17 punti sui 32 totali di squadra, mentre la Ferraroni sbaglia poco o nulla e si va al riposo sul punteggio di 32 a 45.

Nei restanti 2 quarti la Ferraroni minuto dopo minuto aumenta sempre più il proprio divario e con i padroni di casa che si aggrappano al solito Bovo che poco dopo uscirà per 5 falli, non si fanno mai minacciosi e coach Crotti ne approfitta per dare ampio minutaggio ai propri giovani.

SECIL COSTRUZIONI EDILI JESOLO-JU.VI. FERRARONI CREMONA 61-88
PARZIALI: 10-26, 32-45, 48-66
SECIL COSTRUZIONI EDILI JESOLO: Sipala 9, Malbasa 10, Busetto, Grani 2, Rossi 2, Bolpin 2, Maestrello 2, Rosada, Favaretto 7, Edraoui 6, Bovo 21. All.: Teso.
Uscito per 5 falli: Bovo 31’ (48-67).
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Nasello 16, Preti 20, Fumagalli 8, Gobbato 15, Bona 12, Tonello 2, Vacchelli 2, De Martin, Giulietti 6, Milovanovikj 7, Colombo. All.: Crotti.
Uscito per 5 falli: Milovanovikj 39’ (58-84), fallo tecnico a Milovanovikj 25’ (38-55).
ARBITRI: Galluzzo e Rodi di Brindisi.