Ai tempi del coronavirus, più che raccomandato è il giardinaggio. Da soli o in compagnia. Alla giusta distanza, ma con il sorriso sulle labbra. Magari con l’anima in estasi per il profumo di qualche fiore come quello di cui vi parlo oggi.

Ci sono poche piante che danno una soddisfazione così grande come questa Clematis che fino a qualche anno fa era sconosciuta ai nostri giardini mediterranei.

L’Armandii è un generoso abbraccio fra la luce del nord – dove le Clematis vivono al meglio – e il calore del sud che spesso le fa soffrire.

E’ difficile spiegare con le parole la bellezza e la forza di questo rampicante.

E’ straordinaria perché è una delle prime piante ad annunciare la primavera. Fiorisce fra marzo e aprile con la forsizia e poche altre. Quelle che guardano sud stanno iniziando a fiorire in questi giorni, in perfetto orario sulla consueta tabella di marcia. Le sorelle che stanno a nord, aspetteranno ancora qualche giorno.

Ti riempie di felicità l’Armandii perché ha un fiore semplice e bellissimo. E un profumo che appena la temperatura si alza un po’ avvolge tutta la casa e si intrufola anche in quelle dei vicini. Che finiscono per volerla a tutti i costi.

Clematis Armandii

E poi l’Armandii,una delle poche fra le clematis, è una sempreverde con una foglia oblunga e di un verde intenso che fa la sua bella figura anche in inverno.

Clematis armandii è una pianta abbastanza rustica e facile da coltivare sia in vaso che (meglio) in terra. Sopravvive a temperature notevoli (sopporta fino a -15 °C) e affronta bene il calore estivo a patto che, come tutte le sue sorelle e cugine, abbia le radici all’ombra.

Raggiunge un’altezza variabile da 5 a 10 metri ma, come a casa mia, se trova un appiglio alza le sue braccine al cielo e sale sale fino a quando qualcosa glielo permette. Ora sta colonizzando le rose, abbraccia l’oleandro, si intrufola fra l’edera.

Non è difficile riprodurla in casa. Attendete che la fioritura finisca, poi tagliate qualche rametto un paio di centimetri sotto ciò che rimane del fiore e mettete in un vaso che terrete molto da conto per il primo anno mettendolo al riparo durante l’inverno. Aspettate che cresca e prenda forza poi piantatela in piena terra e godetevi i suoi fiori. In un paio d’anni l’Armandii vi soprenderà.

Sarà forse un po’ invadente questa Clematis, ma è ampiamente scusata come ogni bellissima ed elegante signora.

Le foto, manco farlo apposta, sono di Armando Armandii Rossi.

La fantastica fioritura della CLematis nel 2020

7 Commenti

  1. Gentilissima Direttrice,
    ho testé inviato una richiesta un poco inusuale per la Vostra Rivista. Ora ho scoperto il Vostro bellissimo, meglio, straordinario sito. In quanto appassionato di paesaggio e di verde, mi sono imbattuto nella Sua bellissima disamina sulla Clematis Armandii. lei ha tracciato una descrizione sublime e notevolissima su questa meravigliosa lianosa che io ho scoperto tre anni or sono presso la via principale di Rovescala- Oltrepò pavese, adornante una recinzione di una villa. Rimasi colpito, era il mese di marzo, dal profumo formidabile ed indimenticabile dei suoi fiori.
    Aggiungo, anche se vado fuori tema, che anche mia figlia,ormai vicina alla trentina, ha studiato filosofia ed ora insegna, supplente, presso il Liceo classico di Crema. Questi per dirLe che chi ha questa formazione è bella/o dentro.
    Chiedo scusa per l’ invasione di campo.
    Grazie e Buon Lavoro.
    Edgardo Berticelli

    • caro Edgardo, non mi meraviglia che lei sia rimasto colpito dalla Clematis Armandii. Per me, da appassionata giardiniera senza competenze, è una delle più belle Clematidi. Per la forma del fiore, per il profumo che stordisce e anche perché d’inverno non perde le foglie. Le mie tre Armandii si stanno preparando alla primavera. Quella più esposta al sole ha già iniziato a fiorire. Le altre due sono più indietro e hanno sofferto il freddo di questo inverno. Continuo ogni anno a moltiplicarle e a regalarle ai miei vicini così a marzo la nostra stradina di campagna è un trionfo di bianco e di profumo. A presto.

    • Premetto che non sono un’esperta ma solo un’appassionata. Il blocco potrebbe essere legato agli sbalzi di temperatura. Alle grandi piogge e poi al sole fortissimo. Non demordere. Le armandii sono molto forti…potrebbe perdere le foglie ma ributtare da sotto. Mi raccomando le radici all’ombra come tutte le clematis. Attendiamo news. buona giornata.

  2. Buongiorno Sig. a Macrì, visto che su internet ci sono discordanze chiedo a lei, le Armandii quando fioriscono? Solo Marzo Aprile? Oppure ripetono la fioritura anche in Giugno agosto settembre.
    Grazie

    • Possiedo le Clematis Armandii.
      Sono fiori bellissimi e fioriscono all’inizio della primavera.
      Tuttavia, quest’anno, con il tempo balordo che abbiamo avuto, ho visto qualche fiore anche alla fine di maggio. 🙂

    • Buongiorno Graziano, confermo quello che ha scritto Armando. Di solito le Armandìì fioriscono con il primo tepore primaverile. Ma quest’anno così strano quelle che ho nel giardino verso nord hanno rinviato la fioritura a maggio! Troppa pioggia e soprattutto le temperature basse le hanno bloccate.

Comments are closed.