Apre lo sportello per la presentazione delle istanze relative al Credito di imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro.  La misura, prevista dall’articolo 120 del Decreto Rilancio, sostiene la riapertura in sicurezza degli esercizi aperti al pubblico.

Sono due le tipologie di intervento finanziabili: investimenti necessari per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID-19 compresi interventi edilizi necessari per il rifacimento di spogliatoi e mense, per la realizzazione di spazi medici, ingressi e spazi comuni, l’acquisto di arredi di sicurezza; nonché attività innovative quali lo sviluppo o l’acquisto di strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa e per l’acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti.

Il credito di imposta è fissato nella misura del 60% delle spese per un investimento massimo di 80 mila euro, l’ammontare del credito non può eccedere il limite di 48.000 euro.

Possono ad esempio beneficiare dell’incentivo alberghi, ristoranti, teatri, sale cinema e stabilimenti termali, nonché le associazioni, le fondazioni e altri enti privati, compresi gli enti del Terzo settore.

Si potrà fare domanda dal 20 luglio al 30 novembre 2020.