Tempo di lettura: 2 minuti

Crema – Sta per aprirsi il sipario della nuova edizione di Crema in scena 2022. Un atteso ritorno dopo il lockdown, un appuntamento che rinsalda i legami tra il teatro San Domenico e le compagnie teatrali e di danza del territorio.

Ufficialmente si parte venerdì 20 maggio alle ore 21 con la compagnia del Santuario di Checco Edallo che porterà in scena Mizeria e Nubiltà, rielaborata dallo stesso Edallo nel 1993. “Per la verità – spiega la regista Rosanna Furlan – l’abbiamo riadattata ancora. Ci stiamo lavorando da prima del lockdown. Per noi questo sarà un debutto, siamo carichi ed emozionati”.

Reduci dalla prima prova in teatro “ci aspettiamo un grande successo di pubblico, siamo vicini al sold out e questo ci riempie il cuore di gioia”. Nei giorni successivi andranno in scena gli spettacoli delle compagnie teatrali non professioniste in lizza per il premio Edallo per la migliore messa in scena e per il premio Paparo, novità di quest’anno dedicata al regista Pietro, per la miglior regia.

Appuntamento, dunque, sabato 21 maggio alle ore 21 con Varietà Disney della compagnia I Viavai con la regia di Marco Benzoni, domenica 22 maggio con Miseria e Nobilità della compagnia Caraval spettacoli e la settimana successiva, domenica 29 maggio con Dracula a commedy della compagnia Il Fortunale.

Fuori concorso, informalmente aprirà la rassegna lo spettacolo Sogno di una notte di mezza estate con la regia di Rosa Messina. Appuntamento domani, giovedì 19 maggio alle ore 21. Sul palco i ragazzi dei corsi di teatro.

“E’l’occasione per tirare le somme dopo un lavoro di mesi, ma chiedo sempre ai miei allievi di divertirsi, prima di tutto. Di sorridere e continuare, perché quando si è sul palco passa anche la paura. Siamo molto emozionati: dopo un periodo così complicato questa rassegna ci dice che stiamo tornando alla normalità”. Ha ragione l’insegnante Rosa Messina, Crema in scena è pronta a partire. In grande stile.