Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cr) – I volontari di G.S. e Pro Loco di Pescarolo, con l’attenuazione della pandemia, proseguono nel riportare in auge, dopo la riuscita camminata della solidarietà, e sempre rispettando le normative Anti-Covid ancora vigenti, i tradizionali appuntamenti di una volta, e tra questi rientra certamente il “FESTAROLO FESTIVAL 2022” con un ritorno alla Senigola, nei giorni di venerdì 10, sabato 11 e domenica 12.

Il completamento del titolo dell’iniziativa con la parola “FESTIVAL”, nelle edizioni passate solo e semplicemente FESTAROLO, riteniamo sia legato anche alla varietà delle proposte musicali di questa edizione, che inizieranno alle 21.30. La varietà non mancherà comunque anche nelle proposte culinarie della cucina, che aprirà alle ore 20.00.

Entrando nei particolari del programma, la serata di venerdì 10 inizierà con la grigliata e, per quanto riguarda la musica, sarà il gruppo dei “Tempo Reale” a tenere il ritmo. Sabato 12 sarà il momento del tradizionale piatto degli “Sgabei” e la proposta musicale sarà quella del gruppo degli “Interno 4“ con pop rock all’Italiana. Ultima serata, domenica 12 con le “piadine “ come proposta della cucina, mentre per la musica sarà il gruppo degli “Zero mania” con un tributo a Renato Zero a tenerci compagnia. In merito all’organizzazione del tutto, i responsabili, chiedono cortesemente la prenotazione telefonando a Icio 338 168 6401 o Claudio Dondi 333 997 0707.

Per quanto riguarda l’inevitabile accenno ai ricordi del passato, va detto che, dopo anni di abbandono, fu nel 1991 che si cominciò a parlare del recupero dell’Oratorio della Senigola ed è stato proprio nel Giugno dello stesso anno che in quell’Oratorio, un monumento importante per la storia del territorio, si svolse la prima edizione del “Festarolo“ promosso dal Presidente della Pro Loco Dott. Aldo Del Ninno e che iniziò sabato 17 giugno 1991 con una gara di briscola organizzata dal G.S. Nel pomeriggio della Domenica 18 fu il Presidente stesso, assistito dal consigliere Assandri, a consegnare riconoscimenti ai pittori che avevano partecipato al concorso di pittura, promosso nel ricordo dei pittori locali Francesco Lucini e Guido Rosa. Il pomeriggio proseguì con il mercatino organizzato dai bambini e si concluse in serata con la proiezione del filmato, prodotto dal Museo del lino, sul Carnevale locale del 1971. Da quel momento la tradizione si consolidò, grazie soprattutto ad una collaborazione generale tra Parrocchia, Comune e Museo del Lino.

Non ci resta che fare i migliori auguri ai promotori dell’iniziativa e, rivolgendo un invito a tutti, non vediamo l’ora che l’evento inizi.