lunedì 28 Novembre 2022

Istituto Cervi, le proposte per le scuole

Gattatico, Reggio Emilia. Casa Cervi è innanzitutto spazio di accoglienza dove le giovani generazioni possono conoscere una storia e vivere un luogo in cui imparare ad essere “cittadini del mondo di domani”, e dove gli insegnanti possono trovare punti di riferimento per sviluppare percorsi di formazione sulla storia del Novecento e sulla valorizzazione del paesaggio.

Il museo si è rinnovato con un nuovo allestimento, improntato sulla multimedialità e la tecnologia, ma ancorato alla tradizione, con l’uso di materiali antichi ed ecosostenibili, anche la proposta educativa si rinnova. Perché la memoria viva nelle nuove generazioni, e la democrazia si consolidi. Questo nuovo percorso ha dato e continuerà a dare vita a ulteriori spunti di lavoro per la creazione di nuove attività con i ragazzi: occasioni di conoscenza e comprensione del passato e di riflessione e dialogo sul tempo presente.

Casa Cervi accoglie, si reca nelle scuole, tiene accesa la luce sui valori umani fondamentali: la libertà, la giustizia, la solidarietà, la pace, la conoscenza, la cura della terra.

Il Museo Cervi: situato nella bassa pianura reggiana, fra i Comuni di Gattatico e Campegine, il museo è ambientato nella casa colonica in cui la famiglia Cervi visse a partire dal 1934 e raccoglie gli oggetti e i documenti conservati fin dal primo dopoguerra. La struttura e il percorso museale si presentano come un viaggio nella storia della famiglia Cervi, del Novecento, del lavoro nelle campagne, dell’Anti-fascismo e della Resistenza. La struttura del Museo Cervi ospita anche la Biblioteca per Ragazzi Il MappaMondo, una sala conferenze e uno spazio espositivo.

Sempre nell’area dell’Istituto Alcide Cervi, la Biblioteca Archivio Emilio Sereni propone attività e percorsi formativi, dedicati sia ai docenti sia ai ragazzi della scuola primaria e secondaria, per conoscere e approfondire il paesaggio, come valore fondamentale ma anche come fattore di identità e di ricostruzione di un nuovo legame tra individuo e territorio, tra città e campagna, tra società e ambiente.

Oggi Casa Cervi esce per incontrare la scuola che cambia e abbracciare le sfide del tempo presente, con una proposta educativa rivista e ampliata sulla base delle richieste e delle nuove esigenze dei docenti e degli studenti. Mantenendo sempre immutato il suo spirito di servizio e di collaborazione, alle porte di un nuovo decennio del XXI secolo, per continuare a riannodare i fili della Storia dietro di noi con quelli della nostra storia davanti a noi.

Tra le tante proposte: la visita guidata: è il percorso etnografico e storico all’interno della casa e negli spazi di vita contadina, arricchito da supporti di traduzioni linguistiche e da approfondimenti tematici audiovisivi.

Laboratori didattici e attività di formazione: sono i molteplici linguaggi – rivolti a studenti e docenti di ogni ordine e grado – che Casa Cervi applica alla divulgazione dei contenuti per la valorizzazione dei suoi temi e valori fondativi.

Bookshop: accessibile negli orari di apertura del Museo, è possibile reperire e acquistare le pubblicazioni curate dall’Istituto Cervi, e non solo, sui temi della storia del Novecento, dell’Antifascismo, della Resistenza e del Paesaggio.

Il programma: Proposte educative di Casa Cervi

Note sull'autore

Valerio Gardoni
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

Seguici

3,373FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: