Tempo di lettura: 4 minuti

Alla pianura, si avvicenda il lago di Garda. Dopo Pralboino, è la volta di Gardone Riviera. In questo modo, la sezione “Bassa Bresciana” dell’Unione Cristiana Dirigenti (UCID), presiduta da Giuseppe Pozzi, sviluppa parte delle proprie attività sociali, per mezzo di alcune cospicue trasferte culturali, attraverso la promozione del territorio, mediante la valorizzazione di alcuni aspetti locali che risultano funzionali alla caratura ideale di questo sodalizio, nel ruolo che, nella società, persegue da anni, mediante i suoi principi etici fondativi, non disgiunti da motivi di sintesi, con una serie di propositivi ambiti di confronto divulgativi.

Se, a Pralboino, l’iniziativa è valsa per un incontro con alcune caratteristiche realtà attrattive del posto, quali, ad esempio, l’antico palazzo Gambara, la sede municipale presso palazzo Morelli e la chiesa Sant’Andrea, è, invece, sull’orizzonte di un perdurante prosieguo delle proprie iniziative che risulta calendarizzato, nel programma sociale dell’Ucid di “Manerbio Bassa Bresciana”, il “Vittoriale degli Italiani”, sullo stampo di analogo metodo di approccio verso le tipicità connesse alle peculiarità desunte da un dato luogo, in questo caso, attese nell’eco di una qualificata trattazione, durante l’avvicendarsi della prima domenica che il 2021 incardina nel mese di luglio, in una pubblica presentazione, esplicativa delle molteplici sfaccettature d’interesse, riguardo l’ultima prestigiosa residenza di Gabriele d’Annunzio, per attendere ad una guida tematica da parte del presidente della omonima fondazione, istituzionalmente ispirata alla nota figura dannunziana, da anni alla regia di quanto attiene la fascinosa tradizione derivata da “Villa Cargnacco” di Gardone Riviera, nella persona di Giordano Bruno Guerri.

A sua firma, anche vari libri, relativi allo storico personaggio della letteratura italiana, a proposito del quale la sua presidenza si trova investita da uno specifico mandato sostanziale che pare travalicare il mero scopo memoriale, distinguendosi in quella gestione propositiva che ne riattualizza, pure coraggiosamente, a riguardo dell’eclettico poeta dalla fama internazionale, una contemporanea rievocazione contingente, nell’ambito di scelte stilistiche e concettuali, dal notevole impatto estetico e culturale, anche a distinguo con l’epoca stessa nella quale si era compiuta la medesima parabola esistenziale del protagonista esclusivo della scena di questa sorta di enclave gardesana, ascritta al celebrato carisma di una data sua impronta personale.

L’avvenimento, ispirato al “Vittoriale degli Italiani”, è motivato dal fatto che, con il 2021, ricorrono i cento anni decorsi dall’inizio della costruzione di tale composito ambiente residenziale, fatto proprio e trasformato da d’Annunzio, in relazione al suo trasferirsi in zona nel 1921, concorrendo a gettare pure le basi di un considerevole mutamento dell’area d’insediamento da lui occupata, anche per importanti opere, percepibili a corredo della sua stessa poliedrica figura, come, fra le altre, la realizzazione dell’anfiteatro che, ancor oggi, consente rappresentazioni a vari livelli di quel palcoscenico in faccia al lago, presumibilmente unico, nel genere gardesano.

Pranzo a seguire, dopo la visita mattutina della delegazione dell’Ucid di Manerbio Bassa Bresciana, in questa domenica 4 luglio, che risulta proposto nei pressi, in un’opportunità conviviale, in programma al ristorante “Rimbalzello” che, come si legge, fra l’altro, dalla traccia “ucidina” per l’evento stesso, pare sia stato “così chiamato da Gabriele d’Annunzio perché amava scendere fin qui e far rimbalzare i sassi sull’acqua, come fanno i bambini”.

L’intento complessivo della manifestazione è di una contestualizzazione del proprio impegno aggregativo, in un tessuto di relazioni e di esperienze che corrispondono ad una disponibilità utile a porsi nell’accoglienza di ciò che concorre a promuovere nell’unità, secondo contenuti imperniati alla concordia ed alla conoscenza, nel riconoscimento del bene comune, apportatore di forme di crescita personale e di benessere per tutti.

Anche in campo economico, essendo questo sodalizio sensibile alla dottrina sociale della Chiesa, quando, con ciò, si allude all’aspetto di coesione focalizzato fin dall’alba della sua fondazione, in ordine ad un condiviso riconoscimento del mandato d’investitura dei fedeli cattolici, impegnati nel ruolo del diversificato comparto imprenditoriale, secondo una coerente estrinsecazione dei propri talenti, anche in conformità ad una visione cristiana del loro importante compito di responsabilità nella società.

In questo senso, oltre a riuscite opportunità d’approfondimento formativo ed intellettuale, derivate dal calarsi in contesti culturali, si dettagliano, nelle proposte sociali dell’Ucid, anche una serie di conferenze periodiche, come pure un insieme di estemporanei confronti, in accurate trasferte conoscitive, sviluppate nei pressi d’eccellenze produttive, a tema, come, fra le altre iniziative, in tal senso, enumerabili, nel suo più recente passato bresciano, è accaduto durante la visita, nella sede di Travagliato, dell’Antares Vision Spa – Antares Vision Group, accreditata realtà d’utili specializzata in una particolare tecnologia in uso presso note case farmaceutiche, mentre, per restare all’accennata iniziativa spesa, invece, a Pralboino, la circostanza è valsa anche per una sensibilizzazione attorno ai temi etici dell’imprenditoria e dell’esemplarietà di una autorevole testimonianza, profusa nel settore, a margine del significativo riconoscimento, elargito dall’Ucid di Manerbio – Bassa Bresciana, a Girolamo Pellegrini, mediante la pubblica consegna, nelle mani del medesimo, di una targa recante la scritta commemorativa: “A Girolamo Pellegrini Imprenditore di grande capacità ed esperienza che ha dedicato particolare impegno allo sviluppo del nostro territorio, cogliendone le notevoli potenzialità, in ricordo del nostro gradito incontro con la nostra Associazione presso palazzo Gambara. Pralboino, 2 giugno 2021 – Sezione Ucid Bassa Bresciana”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome