lunedì 28 Novembre 2022

Liutai del novecento in mostra a Cremona

Cremona. Una mostra per raccontare la rinascita della tradizione liutaria italiana: fino al 26 febbraio prossimo, Liutai Italiani del Novecento nelle Collezioni del Museo del Violino ricostruisce le vicende della liuteria cremonese e italiana durante il secolo scorso, dalle difficoltà dei primi decenni sino al rinnovato protagonismo di fine secolo.

Il racconto è affidato a 57 strumenti che costituiscono la Collezione di liuteria italiana, frutto di numerose donazioni che si sono susseguite dal 1932 al 2021 e oggi conservata al Museo del Violino: per la maggior parte violini (tra i quali quello in miniatura del liutaio genovese Giuseppe Lecchi e il contro violino di Valentino De Zorzi), ma anche viole, violoncelli e un violetto, uno strumento suonato a spalla di taglia intermedia fra la viola e il violoncello, brevettato dal cremonese Luigi Digiuni nel 1922. Sono inoltre presentati archetti di Cesare Candi e Giovanni Lucchi.

Unico strumento ospite dell’esposizione è il violino proveniente dal Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera, donato nel 1934 a Gabriele D’Annunzio da Gaetano Sgarabotto, promotore negli anni Venti della scuola di liuteria di Parma. Sgarabotto, grande ammiratore del Vate, realizzò questo strumento appositamente per lui, nella speranza di poter fregiare la propria scuola di liuteria di un motto o di una frase dettati dal poeta.

Fra gli strumenti esposti, il violino e la viola costruiti nel 1924 dal bolognese Giuseppe Fiorini, considerato il pioniere della liuteria moderna, il quale nel 1930 donò alla città di Cremona la sua straordinaria collezione di reperti stradivariani: forme, modelli, attrezzi e disegni utilizzati da Antonio Stradivari per realizzare i suoi capolavori. È proprio utilizzando i modelli stradivariani che Fiorini costruì la viola e il violino in esposizione e che sono i primi due strumenti del Novecento entrati a far parte delle Collezioni civiche.

Non potevano mancare gli strumenti vincitori della Mostra – Concorso Nazionale di Liuteria Moderna svoltasi a Cremona nel 1937, in pieno ventennio fascista, nell’ambito delle Celebrazioni per il bicentenario della morte di Stradivari. In quell’occasione alla città venne riconosciuto un ruolo chiave per la rinascita degli artigiani e di una tradizione storica dell’intero Paese, per una nuova affermazione del “genio italico”. Agli strumenti vincitori del Concorso se ne aggiungono altri 17, premiati in precedenti concorsi nazionali e provenienti dal Conservatorio Cherubini di Firenze, frutto di una donazione, sempre nel 1937, da parte della Federazione degli Artigiani.

 Nasce così il nucleo inziale del Museo di Liuteria Moderna, che dà la spinta a nuove donazioni motivate essenzialmente da legami familiari, dal desiderio di ricordare il lavoro e l’impegno della persona cara attraverso l’esposizione di un suo strumento al Museo, dalla volontà di contribuire alla crescita di un patrimonio storico che si ritiene bene comune.

Il percorso espositivo della mostra, curata da Fausto Cacciatori, conservatore delle Collezioni del Museo del Violino che ha firmato anche il catalogo, è accompagnato da documenti, immagini e video che mettono in risalto alcuni passaggi significativi della storia della liuteria italiana e danno un volto ad alcuni dei suoi protagonisti. I visitatori avranno anche la possibilità di consultare, in forma digitale, le 74 schede che compongono il censimento dei liutai italiani, redatto nel 1937 dal giornalista Renzo Bacchetta, e che offrono uno spaccato dell’attività e delle condizioni di lavoro di questi artigiani.

Una serie di incontri e concerti a corredo della mostra offriranno una nuova e insolita prospettiva sulla liuteria italiana del Novecento.

Note sull'autore

Valerio Gardoni
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

Seguici

3,373FansMi piace

Articoli recenti

Ti Potrebbe interessare: