Brescia. Torna il festival Rinascimento Culturale con la settima edizione, 10 appuntamenti, fino al 23 ottobre: 7 in presenza nei Comuni della Franciacorta e 3 in remoto per un inedito viaggio culturale con un potenziamento del Canale You Tube.

I difficili ultimi mesi, all’insegna di un’emergenza sanitaria mondiale, non fermano il festival Rinascimento Culturale. Anzi, proprio grazie alla forza della cultura si rinnova la proposta artistica con la settima edizione del festival: un appuntamento che è diventato, anno dopo anno, un punto di riferimento.

– Quest’anno abbiamo discusso se rimandare il festival, viste le complicazioni della pandemia. Poi abbiamo capito che con il nostro nome non potevamo sottrarci e, anzi, avevamo la responsabilità di continuare, di suggerire un cambiamento, un tempo nuovo e ci auguriamo tutti migliore.- raccontano gli organizzatori del festival.

Si riparte dunque dalla cultura: 10 appuntamenti con illustri ospiti, 7 dei quali in presenza, nei Comuni della Franciacorta: Palazzolo sull’Oglio, Erbusco, Gussago, Travagliato, Cologne e Adro, patria elettiva del festival fin dalla prima edizione del 2014; e 3 in remoto, una modalità di incontro, confronto e dialogo del tutto inedita. Anche grazie alla forza comunicativa dei nuovi media. Tutti i 10 eventi saranno infatti ripresi e messi a disposizione sul nostro canale YouTube dove crescono gli iscritti e il consenso grazie ai quasi quindicimila iscritti.

Ripartire, o meglio rinascere con la forza della cultura, è stato possibile grazie alla forza dell’associazione, sotto la direzione artistica di Alberto Albertini e quella organizzativa di Fabio Piovanelli e grazie a tutto il team di collaboratori e volontari.

“Rinascimento culturale” sono infatti due parole che dicono già tutto, un manifesto, uno slogan e un programma. Anche perché un mondo complesso e in trasformazione, negli ultimi mesi addirittura in emergenza, chiede una sapienza inedita, nuove prospettive di trasformazione.

Altri appuntamenti sono in programmazione durante il festival, oltre al programma, a cura di Alberto Albertini, dedicati agli iscritti del canale YouTube, in particolare un mini documentario su John Cheever, lo scrittore americano premio Pulitzer, maestro delle short story, autore del famoso racconto “Il nuotatore” da cui il film con Burt Lancaster; e su Dino Buzzati, scrittore, giornalista, pittore, drammaturgo, librettista, scenografo, costumista e poeta, fin da studente cronista al Corriere della Sera.

Sarà un’edizione in totale sicurezza, rispettando i protocolli vigenti, con la registrazione bbligatoria. Agli eventi in presenza è obbligatorio presentarsi muniti di autocertificazione compilata in tutti i campi (verrà inviata tramite newsletter al database di chi si è già registrato, e allegata nella piattaforma Eventbrite), pena l’esclusione dall’ingresso. Si comunica che gli organizzatori non potranno fornire il modulo prima dell’inizio della serata per evitare assembramenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome