Tempo di lettura: 2 minuti

All’inizio della seconda settimana di preparazione si è tenuta presso la cascina Cà dell’Ora la serata di presentazione della Ju.Vi. Cremona 1952. A fare gli onori di casa la famiglia Ferraroni presente al completo e come ospite d’onore Valentina Rodini che insieme a Federica Cesarini ha conquistato la medaglia d’oro nel canottaggio specialità 2 senza pesi leggeri.

Tra una portata ed un’altra durante la serata presentata da Paolo Dalla Vecchia si sono susseguiti i vari ospiti, e tra questi anche Valentina Rodini che ha mostrato ai presenti la medaglia d’oro olimpica e ha sottolineato che solo con il lavoro duro e con la forza di volontà si arriva a conquistare questo ambito risultato.

All-focus

A farle eco è stato l’ex presidente juvino Maurizio Ferraroni che ha omaggiato l’atleta cremonese con la maglia celebrativa della squadra e ha sottolineato la cremonesità che ha portato Valentina a conquistare questa importante medaglia, ha evidenziato le doti sportive ed umane dell’atleta che ha messo sempre più in evidenza che lo sport, così come la Juvi, sono un patrimonio della città con radici molto profonde e sempre pronti a risorgere anche nei momenti difficili.

Insieme all’atleta delle Fiamme Gialle e tesserata per la storica Canottieri Bissolati era presente anche l’assessore allo sport del Comune di Cremona Luca Zanacchi, poi successivamente sono passati in rassegna tutti i giocatori della rosa e che ha visto presenti quasi tutti gli atleti, escluso Marko Milovanovikj che si è goduto ancora qualche giorno di vacanza dopo la conquista del pass per i campionati Europei 2022 dove difenderà i colori della Macedonia del Nord.

Ad aprire la “sfilata” dei giocatori è stato il giovane play-guardia Tommaso Colombo, per poi proseguire con Fumagalli, De Martin, ed a seguire anche i componenti della rosa della scorsa stagione capitanata dal bomber Marco Bona e capitan Elvis Vacchelli. Dopo la presentazione degli atleti è stato il turno degli allenatori; i riconfermati Alessandro Crotti e Max Moreno. Infine prima del congedo si è tenuto il passaggio del testimone che vedrà alla presidenza Enrico Ferraroni che come già annunciato in precedenza prende il posto del cugino Maurizio che lascia l’incarico dopo 7 memorabili anni culminati in ben 4 promozioni.