Tempo di lettura: 6 minuti

Cremona – Fine anticipata della corsa per la Juvi Ferraroni Cremona che davanti al pubblico amico del PalaRadi viene superata dai romagnoli della Riviera Banca Rimini che si impongono con il risultato finale di 58 a 67, ed incrocerà nel 2° turno playoff la Bakery Piacenza che ha liquidato in 3 partite Firenze; mentre i gigliati terminano qui una stagione decisamente positiva.

Per questa gara coach Crotti schiera lo starting five composto da Masciarelli, Antrops, Touré, Mercante e Bona; mentre dall’altra parte coach Brugè che sostituiva Bernardi colpito da Covid-19 rispondeva con Peroni, Mladenov, Crow, Rivali e Broglia. La gara vede un inizio punto a punto con i padroni di casa avanti grazie ai canestri di Touré e Mercante che arrivano a toccare un vantaggio massimo di 6 lunghezze con una tripla di Touré che costringono coach Brugè al time out. Alla ripresa del gioco Rinaldi chiude la frazione sul punteggio di 19 a 15. Nel 2° periodo altro buon inizio dei gigliati che con una tripla di Klyuchnyk vola a +7 sul 24 a 17, ma Rimini non molla e la Ferraroni cala di intensità e grazie a 3 triple in rapida successione di Simoncelli, Broglia e Mladenov ribalta il punteggio e si va all’intervallo con 2 possessi pieni sul punteggio di 27 a 33.

Al rientro dagli spogliatoi una tripla di Antrops riporta la Ferraroni a -3, poi Rimini allunga seppur di poco arrivando sino a +8 con una tripla di Crow al 24′, ma i cremonesi non mollano e con Touré e Bona poco dopo pareggiano i conti a quota 44. Qualche minuto più tardi gli ospiti con Simoncelli e Fumagalli si riportano a +7, ma nei secondi finali Bona e Klyuchnyk riporta gli amaranto oro ad un possesso pieno ed il 3° tempo si chiude sul punteggio di 48 a 51. L’ultimo quarto inizia con il canestro di Touré del -1, poi si continua con le due formazioni sempre a contatto sino ai secondi finali quando i grigi sanzionano i cremonesi con un fallo antisportivo a capitan Vacchelli, con le conseguenti proteste di coach Crotti che viene punito con un fallo tecnico e pochi secondi dopo Mercante viene espulso. Dal possibile -3 gli ospiti passano al +9 finale grazie ai tiri liberi di Crow e Rinaldi che fissano il punteggio finale di 58 a 67.

JU.VI. FERRARONI CREMONA-RIVIERA BANCA RIMINI 58-67
PARZIALI: 19-15, 27-33, 48-51
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Masciarelli 5, Antrops 5, Touré 19, Mercante 12, Bona 6, Klyuchnyk 7, Milovanovikj, Varaschin 4, Giulietti, Bassi n.e., Crescenzi n.e., Vacchelli. All.: Crotti.
Nessuno uscito per 5 falli, antisportivi ad Antrops 14′ (24-17) e Vacchelli 39′ (58-62), tecnico alla panchina 40′ (58-63), espulso Mercante 40′ (58-63).
RIVIERA BANCA RIMINI: Peroni 5, Mladenov 10, Crow 20, Rivali 5, Broglia 5, Ambrosin 2, Rossi 2, Fumagalli 6, Rinaldi 5, Moffa n.e., Simoncelli 7. All.: Brugè.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Quadrelli di Roma e Martinelli di Brescia.

Crema (CR) – Una Green Up Crema versione Penelope cede a fil di sirena tra le mura amiche contro la Paffoni Omegna che sbanca il PalaCremonesi con il risultato finale di 65 a 66 ed ora a disposizione il match ball per il passaggio di turno. Per questa gara coach Eliantonio schiera la stessa formazione di gara 2 con lo starting five composto da Leardini, Pederzini, l’ex di turno Arrigoni, Del Sorbo e Drocker; mentre dall’altra parte coach Andreazza risponde con Sgobba, Prandin, Balanzoni, Scali e Procacci.

La gara vede subito un buon inizio dei rosanero che con una tripla di Leardini ed un canestro di Arrigoni volano a +7, ma la Omegna non molla e si riporta subito a -3, ma poco dopo capitan Del Sorbo e Leardini con 3 triple in rapida successione e nel finale Montanari spingono la Green Up alla doppia cifra di vantaggio sul punteggio di 25 a 13 al 10′. Nel 2° periodo i leoni indomabili cedono e la Paffoni ne approfitta per piazzare un parziale di 2 a 14 e con Battaglia pareggia i conti a quota 27 al 15′. La gara continua poco dopo con un altro mini allungo dei cremaschi e con Leardini e Montanari si involano sul 37 a 31, ma ancora una volta si inceppano e gli ospiti con Balanzoni e Scali piazzano un parziale di 0 ad 8 e si va all’intervallo sul punteggio di 37 a 39.

Al rientro dagli spogliatoi Leardini pareggia subito a quota 39 poi si continua con le 2 formazioni a braccetto sino al 46 pari, poi la Paffoni piazza un mini allungo che gli consente di portarsi a +7, ma sul capovolgimento di fronte Pederzini tiene in vita i cremaschi che vanno al riposo sotto per 52 a 57. Nell’ultima frazione Scali e Del Testa spingono la Paffoni a +8 al 32′, ma a questo punto la Green Up tenta il tutto per tutto e trascinata dai lunghi Pederzini ed Arrigoni piazza un break di 8 a zero ed al 37′ pareggia i conti a quota 62 con Arrigoni, però sul capovolgimento di fronte Balanzoni riporta gli ospiti a +4. A questo punto i ragazzi di coach Eliantonio tentano il tutto per tutto e a 41” dalla fine Montanari sigla il -2, poi a 16” dalla fine Procacci perde palla e dopo un time out chiamato dalla panchina di casa Trentin con 1” sul cronometro subisce fallo. Dalla lunetta il n.33 rosanero fa 1 su 2 e regala la vittoria alla squadra ospite che ora a disposizione il match point per il passaggio del turno.

GREEN UP CREMA-PAFFONI OMEGNA 65-66
PARZIALI: 25-13, 37-39, 52-57
GREEN UP CREMA: Leardini 15, Trentin 3, Montanari 11, Venturoli, Pederzini 8, Arrigoni 21, Bonvini n.e., Dosen n.e., Del Sorbo 5, Drocker 2, Perez, Sacchelli n.e. All.: Eliantonio.
Uscito per 5 falli: Arrigoni 39′ (62-66).
PAFFONI OMEGNA: Artioli, Battaglia 4, Sgobba 6, Prandin 8, Balanzoni 22, Segala n.e., Terreni n.e., Del Testa 12, Scali 14, Zugno, Procacci, Neri n.e. All.: Andreazza.
Uscito per 5 falli: Balanzoni 40′ (64-66), doppio tecnico a Battaglia 33′ (54-62) e 36′ (57-62).
ARBITRI: Scarfò di Palmi (RC) e Fabbri di Roma.

Piadena Drizzona (CR) – Si chiude con un pesante 3 a zero la serie con la Ltc Sangiorgese che passa al Pala Mg.K.Vis contro i padroni di casa imponendosi con il punteggio finale di 73 ad 84, al termine di un match dominato dall’inizio alla fine. Ora i ragazzi del presidente Piazza si giocheranno la permanenza in categoria contro la perdente del match tra Torrenova e Robur et Fides Varese, che vedono avanti i siciliani per 2 ad 1 e che il termine della serie sancirà per la perdente la retrocessione in serie C Gold.

Per questa gara delicata coach Perucchetti schiera lo starting five composto da Strautmanis, Chinellato, Motta, Giovara ed Arienti; mentre dall’altra parte coach Quilici recupera gli infortunati Picarelli e Bianchi e risponde con Toso, Berra, Bargnesi, Dieng e Moretti. La gara vede subito un inizio in salita per i padroni di casa che subiscono le alte percentuali ospiti e con il solo Chinellato a trovare la via del canestro il 1° quarto vola in un battito di ciglia e si chiude sul punteggio di 15 a 26. Nella 2ª frazione la Ltc allenta la presa e la Mg.K.Vis con Marchetti e Tiberti si riavvicina ed al 13′ il divario tra le due formazioni è di soli 3 punti, poi sul più bello i milanesi allungano riportandosi a +8, ma Piadena non molla e Chinellato riporta i suoi a -6, ma sul capovolgimento di fronte 2 tiri liberi di Moretti mandano le squadre all’intervallo sul punteggio di 38 a 46.

Al rientro dagli spogliatoi è ancora Chinellato a suonare la carica ma le percentuali continuano a premiare gli ospiti che minuto dopo minuto allungano e grazie ai canestri di Berra, Bargnesi e Dieng allungano sino a +19, mentre il 3° quarto si chiude con i 3 tiri liberi di Marchetti che fissano il punteggio di 51 a 67. L’ultima frazione vede subito il canestro di Bargnesi che sigla il +20, ma la Mg.K.Vis non molla e recupera punto su punto con Strautmanis e Chinellato e nel finale 3 tiri liberi di Marchetti riportano gli orange a -9, ma sul capovolgimento di fronte 2 tiri liberi di Moretti spengono i sogni di rimonta casalaschi chiudendo la gara sul punteggio finale di 73 ad 84.

MG.K.VIS PIADENA-LTC SANGIORGESE 73-84
PARZIALI: 15-26, 38-46, 51-67
MG.K. VIS PIADENA: Strautmanis 16, Tiberti 9, Chinellato 18, Cavagnini n.e., Motta 4, Giovara 6, Trevisi n.e., Marchetti 13, Tinsley 2, Arienti 3, Ferrazzi n.e., Calò 2. All.: Perucchetti.
Uscito per 5 falli: Motta 36′ (60-76).
LTC SANGIORGESE: Baggi, Toso 7, Picarelli n.e., Pisoni, Fragonara 2, Berra 18, Bargnesi 17, Bianchi n.e., Dieng 21, Cassinerio, Dushi 4, Moretti 15. All.: Quilici.
Uscito per 5 falli: Toso 36′ (60-78).
ARBITRI: Secchieri e De Rico di Venezia.