Tempo di lettura: 4 minuti

Nella 13ª giornata di andata del campionato di serie B maschile girone B non si ferma la marcia al comando della Gesteco Cividale del Friuli (Chiera 13) che si aggiudica il quasi derby contro la discontinua Civitus Allianz Vicenza 2012 (Chiti 23) e si laurea campione di inverno con 4 punti di vantaggio sui cremonesi della Ju.Vi. Ferraroni Cremona 1952. I cremonesi a causa di un focolaio di Covid-19 riscontrato nel gruppo della società ha dovuto rinviare al prossimo 12 gennaio il derby contro la WithU Bergamo ma riesce a conservare 2 punti di vantaggio sulla coppia veneta composta da Gemini Mestre 1958 e Tenuta Belcorvo Rucker San Vendemiano.

I veneziani (Fazioli 25 con 8 su 10 da 3 punti) si aggiudicano il derby contro la pericolante Antenore Energia Virtus Padova (Lovisotto 18), mentre i trevigiani riscattano il ko interno contro i cremonesi e si impongono in trasferta il match contro la squadra più in forma del momento ovvero la LuxArm Virtus Lumezzane grazie ai 21 punti di Baldini, mentre ai valgobbini non sono bastati i 14 punti di capitan Fossati.

Alle spalle della coppia veneta troviamo solitaria la Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda (Filippini 27) che cede di misura sul non facile campo della Pontoni Falconstar Monfalcone trascinata dai 42 punti del trio Rezzano-Coronica e Prandin. Alle spalle della formazione piacentina troviamo il terzetto composto da WithU Bergamo stoppato dal Covid-19, Civitus Vicenza e Rimadesio con quest’ultima che si aggiudica il derby sul non facile campo della Agostani Caffè Olginate (Okijevic 15), mentre ai brianzoli sono bastati i 32 punti della coppia Mazzoleni-Molteni. Nella seconda parte della classifica troviamo leggermente staccata come detto la Pontoni Falconstar Monfalcone che a sua volta precede i bresciani della LuxArm Lumezzane.

Nella zona calda della classifica troviamo il terzetto composto da Secil Costruzioni Jesolo fermato dal Covid e che ospitava il fanalino di coda Lissone Interni Bernareggio; insieme alla compagine veneziana troviamo anche la Antenore Energia Padova, le lombarde Agostani Caffè Olginate e Green Up Crema e l’emiliana Allianz Bank Bologna 2016; con queste ultime 2 che si sono affrontate nello scontro diretto e che hanno premiato la compagine cremasca grazie ai 20 punti di un acciaccato Bianconi, mentre per i felsinei non sono bastati i 17 punti dell’ex rimimense Crow e che hanno pagato un rivedibile 5 su 13 dalla lunetta. Infine come già accennato troviamo in coda i brianzoli del Lissone Interni Bernareggio con una gara da recuperare.


Crema (CR) – Importante vittoria casalinga e scacciacrisi (si spera) per la Green Up Crema che si aggiudica con merito il delicato scontro salvezza contro gli emiliani dell’Allianz Bank Bologna 2016 con il punteggio finale di 74 a 59, ed aggancia a quota 8 punti la compagine felsinea.

Reduci da una settimana tribolata causa diversi infortuni coach Ghizzinardi schiera lo starting five composto da Luca Montanari ancora una volta uno dei migliori, Venturoli, Cernivani, Esposito e Seck; mentre dall’altra parte coach Lunghini risponde con Graziani, Beretta, Hidalgo, Galassi e Crow.

Dopo l’iniziale 0 a 5 firmato dalla coppia Beretta-Crow la Green Up si riprende e nel giro di 60” sull’asse Venturoli-Esposito pareggia i conti; poi si continua con le due formazioni che si alternano al comando sino all’11 pari del 6′. Da lì in poi i rosanero trascinati da un Bianconi in precarie condizioni e supportati a turno da Cernivani e Seck piazza un parziale di 12 a 2 ed il 1° periodo si chiude sul punteggio di 23 a 13. Nel 2° periodo la Green Up mantiene la testa della classifica e con l’immarcabile Bianconi indiscusso Mvp della serata allunga ancora sino a toccare un vantaggio di 20 lunghezze, nei secondi finali prima Guerri e poco dopo Graziani con 1 su 2 dalla lunetta mandano le squadre all’intervallo “lungo” sul risultato di 41 a 24.

Al rientro dagli spogliatoi la Green Up si smarrisce ed i bolognesi recuperano punto su punto sino ad arrivare a -11 con un canestro di Beretta, ma i rosanero si riprendono subito e trascinati da un ritrovato capitan Del Sorbo riallungano sino ad arrivare a +22 sul 56 a 34 al 29′ con l’ennesima tripla del cecchino Bianconi, mentre la 3ª frazione si chiude sul 58 a 38. Gli ultimi 10 minuti vedono i cremaschi cedere per la stanchezza, Bologna prova a riaprire i giochi e Crow dall’arco riporta i felsinei a -11 ma sul capovolgimento di fronte prima il solito Bianconi e poco dopo Cernivani e Luca Montanari mettono la parola fine scatenando l’allegria dei tifosi locali sugli spalti della Cremonesi.

GREEN UP CREMA-ALLIANZ BANK BOLOGNA 2016 74-59
PARZIALI: 23-13, 41-24, 58-38
GREEN UP CREMA: Sacchelli n.e., Ziviani, Galvano n.e., L.Montanari 18, Venturoli 2, Mercado Sanchez n.e., Esposito 3, Bianconi 20, Konteh 2, Seck 7, Del Sorbo 13, Cernivani 9. All.: Ghizzinardi.
Nessuno uscito per 5 falli.
ALLIANZ BANK BOLOGNA 2016: Resca 7, Guerra 2, Lanzarini n.e., Graziani 1, Beretta 7, Tripodi n.e., Felici 2, Rossi 4, Guglielmi, Hidalgo 8, Galassi 11, Crow 17. All.: Lunghini.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Andretta di Udine e Zuccolo di Pordenone.