Una profonda riflessione sui cambiamenti che stiamo vivendo, incentrata sulla maggiore conoscenza di se stessi portata da queste nuove esperienze, è il tema cardine della mostra “Laura Zeni. Sguardi celati” a cura di Serena Mormino. La prima esposizione virtuale dell’artista raccoglie opere inedite, collages su tela, ed è visitabile online sulla piattaforma kunstmatrix.com sino al 31 maggio.

I lavori presentati mostrano ritratti di uomini e donne, i cui volti sono accomunati dalla presenza di elementi che nascondono i tratti del viso e, come recita il titolo, celano gli sguardi. Che si tratti di nuvole, di finestre, di sbarre, di mattoni, di griglie o di pagine di giornale strappate, gli oggetti che si frappongono fra gli individui e la realtà circostante causano una visione non più nitida della stessa e talvolta ne oscurano completamente la vista. Proprio in questo frangente, secondo l’artista, è il momento di invertire la rotta e di intraprendere un viaggio introspettivo con la mente e il cuore, alla ricerca di nuova linfa vitale e di nuove energie.

Il messaggio di Laura Zeni “Io sono nonostante tutto, io continuo ad essere anche se in altro modo vuole esortare a ritrovare se stessi nonostante i cambiamenti e le dure prove cui si è sottoposti. Momenti difficili e disorientanti che suggerisce di vivere come un’opportunità, una possibilità di confronto interiore volta a riscoprire i propri valori e a proseguire in un nuovo cammino.

Afferma a questo proposito la curatrice Serena Mormino: “Zeni con le sue opere sembra urlarci la chiave di volta per reagire, riprendendo contatto con noi stessi e trovando in noi tutto ciò che abbiamo dimenticato, o mai conosciuto, e dando finalmente spazio vitale a nuove esperienze interiori e nuove emozioni”.

Laura Zeni riconosce nell’azione dello strappo delle riviste un gesto liberatorio, impetuoso, che raggiunge un equilibrio solo nel momento in cui i frammenti di pagina si combinano all’interno della tela; una tecnica, il collage, già ampiamente consolidata nel suo percorso artistico.

Seppure differenti fra loro, emerge dalle opere esposte l’immagine della maschera che, simbolicamente indossata per mostrare una diversa personalità, diventa oggi un accessorio tangibile e quotidiano, che rende tutti uguali e anonimi. Proprio questa limitazione deve costituire lo sprone per rivelarsi senza maschera interiore e raggiungere un maggior grado di consapevolezza.

Laura Zeni, artista milanese formatasi all’Accademia di Brera, dagli anni ’80 espone in diverse mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Attualmente vive e lavora a Milano.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome