Tempo di lettura: 4 minuti

Operosità, ingegno e spirito imprenditoriale. Sono questi i concetti chiave a cui, da sempre, viene associata l’immagine della Lombardia. Eppure, al di là della sua riconosciuta laboriosità, la regione nasconde un’anima inaspettata, fatta di meraviglie naturali e architettoniche, storie e incontri di culture lontane.

È dunque sulla valorizzazione di questa bellezza e storicità del territorio che si inserisce il progetto Siti UNESCO e Musei: costruzione di una rete condivisa per la valorizzazione del patrimonio lombardo – promosso da Regione Lombardia, finanziato dal Ministero della Cultura e realizzato in collaborazione con l’Associazione Abbonamento Musei, che ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere la fruizione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale e favorire la connessione tra i siti stessi e i musei di riferimento.

“Il patrimonio Unesco di Regione Lombardia ammonta a ben 21 riconoscimenti. Si tratta del patrimonio regionale più consistente a livello nazionale e anche internazionale. Il primo riconoscimento italiano fu proprio in Lombardia, con le incisioni rupestri camune, divenute patrimonio dell’umanità il 26 ottobre 1979, quando sconfissero un’agguerrita concorrenza. Proprio il patrimonio materiale rappresenta la spina dorsale dei riconoscimenti Unesco lombardi. L’impegno di Regione Lombardia nella promozione e nella valorizzazione dei siti Unesco è costante e importante.

Mettere in connessione, quanto meno sul piano divulgativo, ricorrendo ai podcast, i siti del patrimonio materiale e i musei che ne custodiscono i segreti è un’operazione intelligente, dalla quale è lecito attendersi un incremento di attrattività degli stessi siti e dunque uno sviluppo di accessi, alla scoperta dei misteri connessi all’identità culturale lombarda”, dichiara Stefano Bruno Galli, Assessore all’Autonomia e Cultura della Regione Lombardia.

Caratteristica comune del patrimonio mondiale della Lombardia è la stretta relazione tra siti e musei. Il museo è infatti porta di accesso privilegiata alla comprensione del sito e naturale completamento della visita dei beni, quando non addirittura parte integrante e sostanziale del sito, come per il Cenacolo Vinciano a Milano e S. Giulia, il Museo della città a Brescia.

Per altri, come i siti palafitticoli dell’arco Alpino o Monte San Giorgio, la mediazione della visita al museo è passaggio imprescindibile per la comprensione del sito, altrimenti inaccessibile.

Abbonamento Musei, la tessera all you can visit promossa dalla Regione che consente di accedere liberamente ai musei, le ville, i giardini, le collezioni permanenti e le mostre di Milano e della Lombardia, è il mezzo attraverso il quale è possibile disegnare e percorrere la cartografia dei siti UNESCO della Lombardia e dei loro musei.

In questo processo di valorizzazione e promozione si inserisce la mappa ideale di “TANTEANIME”, la serie podcast prodotta da Chora Media in collaborazione con Abbonamento Musei e Regione Lombardia.

Nel corso di dieci episodi, lunghi venti minuti circa, i ricercatori e travel blogger Alessio Realini e Cécile Berranger, ovvero gli Hesitant Explorers, costruiscono un viaggio audio fra dieci siti Unesco della Lombardia.

“Il progetto Siti UNESCO e musei ha dato l’opportunità ad Abbonamento Musei di allargare lo sguardo dai musei al patrimonio valorizzando una relazione preziosa e non sempre pienamente colta dal pubblico. Proprio al pubblico abbiamo pensato nel progettare il podcast TANTEANIME. La pluralità delle voci rispecchia l’approccio con il quale abbiamo voluto realizzare questo progetto, un progetto multicanale che mixa contenuti online con offline, digitale e analogico. Siamo certi che il pubblico, e in particolare la comunità di Abbonamento Musei, ci seguirà con passione in questo percorso” commenta Simona Ricci, direttrice dell’Associazione Abbonamento Musei.

Dal villaggio operaio di Crespi d’Adda, in provincia di Bergamo, alle testimonianze su pietra delle prime comunità umane della Valle Camonica, passando per i segreti dei Gonzaga fino ad arrivare al treno in alta quota del Bernina: ascoltando TANTEANIME l’utente ha modo di scoprire posti sorprendenti, lontani dagli itinerari turistici più comuni.

Di seguito l’elenco dei luoghi protagonisti di ciascun episodio:

Il villaggio operaio di Crespi d’Adda, in provincia di Bergamo
Le incisioni Rupestri della Valle Camonica
Il percorso ferroviario che, da Tirano arriva fino a St. Moritz a bordo del treno rosso del Bernina
Il Sacro Monte di Varese, parte di un complesso devozionale unico diffuso tra Lombardia e Piemonte
Mantova e Sabbioneta, le due città ideali del Rinascimento
I monasteri longobardi tra Varese e Brescia e la chiesa di Santa Maria Foris Portas a Castelseprio
Gli insediamenti palafitticoli dell’Isolino Virginia, nel lago di Varese
Le fortificazioni cinquecentesche di Bergamo costruite dalla Serenissima
Monte San Giorgio e la sua testimonianza dell’era del Triassico
Il Cenacolo vinciano e la Basilica di Santa Maria delle Grazie, a Milano

Voci e suoni del luogo sono stati raccolti in presa diretta durante il viaggio, insieme alle impressioni a caldo di Alessio e Cécile, per costruire un’esperienza immersiva. Le interviste agli esperti e alle esperte ci aiutano invece a costruire un contesto attorno alle storie. Nel corso delle puntate, ogni contributo apporta qualcosa di nuovo e rivela curiosità inaspettate o ricordi custoditi nella memoria di chi ha abitato, o abita tuttora, i luoghi del percorso.

L’obiettivo è quello di portare l’ascoltatore alla scoperta delle diverse anime della Lombardia, rivelando storie sorprendenti e fornendo così uno strumento che non solo possa rivelare lati inediti della regione, ma che al tempo stesso possa diventare una vera e propria guida audio per chi ha esplorato, esplorerà o sta esplorando i siti Unesco lombardi.

“TANTEANIME”, serie podcast di Chora Media, scritta con Cécile Berranger e Alessio Realini, realizzata in collaborazione con Abbonamento Musei e Regione Lombardia, è disponibile dal 23 giugno, ogni giovedì, su tutte le app free (Spotify, Apple Podcast, Spreaker, Google Podcast) con un nuovo episodio a settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome