Via dalla pazza folla. Concedersi momenti spensierati, per staccare dai pensieri negativi, all’insegna della massima sicurezza, dove la natura regna sovrana.

Serenità e sicurezza sono i desiderata per questo inverno. Mai come adesso è forte il bisogno di staccare dalla quotidianità. Servono però destinazioni rassicuranti, lontane dalla folla, immerse nella natura e che garantiscano grande rispetto delle norme. Ecco strutture intime, che offrono pochi posti ma grande ospitalità.

Neve sicura in Val d’Ega (BZ)
La stagione sciistica della Val d’Ega (BZ) – un’area meravigliosa nel cuore delle Dolomiti, a soli 20 km da Bolzano, estesa per oltre 200 km², di cui il 70% costituito da boschi – nei due comprensori Dolomiti Superski di Carezza e Obereggen, punta tutto sulla sicurezza, nel totale rispetto delle norme di distanziamento.

La maggior parte degli impianti di risalita – la cui elevatissima capacità riduce il formarsi delle code – è rappresentata da seggiovie, che permettono di raggiungere le piste e di scendere a valle all’aria aperta.

Le 5 cabinovie, note per la loro rapidità, accolgono non più di 10 passeggeri, sono dotate di finestrini e vengo regolarmente disinfettate. I tempi di viaggio sono sempre inferiori al limite massimo di 15 minuti e le diverse partenze dislocate tra Carezza e Obereggen/Ski Center Latemar consentono di evitare gli assembramenti.

Gli sciatori avranno in molti casi la possibilità di prenotare online il loro posto ai rifugi, dotati di ampie terrazze esposte al sole. Lo skipass può essere acquistato su internet a partire da metà novembre e poi ritirato alla Ticketbox tramite QR Code o presso la Digital Line (corsia preferenziale), e molti hotel mettono a disposizione un proprio servizio di emissione dello skipass o si occupano di ritirarlo per l’ospite.

Tutte le strutture ricettive, le scuole di sci, i rifugi e ogni altro esercizio rispettano scrupolosamente le norme di sicurezza prescritte dalla legge in fatto di distanza minima, protezione della bocca e del naso, test periodici dei collaboratori e presenza di dispenser di disinfettante.

In particolare, le scuole di sci si atterranno alle dimensioni del gruppo previste dai regolamenti, scaglioneranno i corsi e differenzieranno i punti d’incontro, mentre i noleggi disinfetteranno l’attrezzatura dopo ogni utilizzo.

In caso di chiusura delle strutture ricettive o degli impianti di risalita causa Coronavirus, vengono assicurate la cancellazione gratuita della prenotazione degli alberghi e il rimborso dello skipass. Tutte le misure della Val d’Ega per le vacanze in sicurezza:  e del Dolomiti
Tel. 0471 619500, www.valdega.com

Quando la vacanza è “Best of the Best”
L’Excelsior Dolomites Life Resort a San Viglio di Marebbe (BZ), in Val Badia, è la top destination per lo sci grazie a speciali servizi e alla sua posizione unica. È stato premiato come “Best of the Best” dal Traveller’s Choice Award 2020 di Tripadvisor: tra i migliori 25 hotel in Italia e nell’1% delle migliori strutture al mondo. Offre altissimi standard di igiene e sicurezza.

Ad esempio esegue una continua sanificazione degli ambienti (più volte al giorno); prima di ogni arrivo le camere vengono igienizzate con dispositivi a norma; testa e istruisce lo staff sui comportamenti da tenere (igiene, distanze, ecc.); consente di effettuare il check-in on-line per l’arrivo in sicurezza; organizza escursioni (ciaspolate guidate, gita con lo slittino, ski safari guidati, ecc.) in piccoli gruppi con partenza direttamente dal resort e tante altre misure .

Gli amanti dello sci hanno a disposizione la nuova ski room con accesso diretto alle piste del Plan de Corones e della Sellaronda, deposito sci interno con scalda-scarponi, vendita skipass direttamente alla reception, maestro di sci in hotel e tanto altro.

A dare il benvenuto al rientro da una giornata sulla neve, un paradiso di 2500 metri quadrati di wellness, tra Dolomites Sky Spa destinata soltanto agli adulti, con infinity pool sul rooftop (a 33°) e vista spettacolare sulle Dolomiti e la SPA Dolomiti, dedicata alle famiglie. Tel. 0474 501036,

12 cubi di vetro sul Lago di Dobbiaco (BZ)
La vista si perde sognante tra il Lago di Dobbiaco (BZ) e il bosco innevato, e quando il sole scende tra le cime dolomitiche, ci si ritrova sdraiati sul letto ad ammirare la neve che cade dal cielo, dal soffitto in vetro.

Si vive un’esperienza unica nei futuristici Skyview Chalets, incastonati tra il bosco, le Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO, i parchi naturali delle Tre Cime e di Fanes-Senes-Braies e le acque scintillanti del Lago di Dobbiaco. I 12 “cubi di vetro”, le cui pareti scompaiono per far entrare i colori della natura, sono ecologici e sono solo per adulti.

All’interno ospitano Spa private con sauna infrarossi e nella formula deluxe idromassaggio sul terrazzo panoramico per rilassarsi in totale intimità. All’esterno sono il punto di partenza riservato e ideale per fare attvità open air, sulla pista da sci di fondo che passa lungo il Lago di Dobbiaco, collegandosi al carosello Dolomiti Nordicski, ma anche ciaspolate, escursioni sulla neve, discese nell’area sciistica 3 Cime Dolomiti oppure al Plan de Corones.
Tel. 0474 973138

Le terrazze nel vigneto di Kranebitt (BZ)
Poche camere e suite con le loro terrazze e vetrate sospese su filari di vite guardano dall’alto Bressanone, nel paesino di Kranebitt (BZ), luogo ameno di vignaioli ostinati, di amanti dell’enogastronomia e di quanti vogliono ritrovare la libertà della vita all’aria aperta in un posto fuori dalle solite rotte.

Sono le stanze di Haller Suites & Restaurant incorniciate in un’architettura a terrazzamenti dagli ampi spazi, fatta di legno di larice e vetrate, esperienza continua nel vigneto. Ad inebriare i palati, ci sono i piatti ricercati del ristorante AO, a base di ingredienti del territorio e dei masi. La colazione è servita in terrazza o in suite. L’aperitivo è a base di calici d’autore e piatti sfiziosi. Tel. 0472 834601.

L’albergo diffuso nella natura primitiva del Molise
I viaggiatori in cerca di spazi all’aria aperta e mete insolite ameranno l’albergo diffuso Borgotufi di Castel del Giudice (IS), paesino del Molise al confine con l’Abruzzo, che si distingue per le sue pratiche sostenibili di rigenerazione del territorio.

Casette in pietra e legno, tutte indipendenti, alcune con soggiorni e cucine attrezzate, altre con camini e soppalchi, accolgono coppie e famiglie in un incantevole paesaggio disegnato da cime e boschi, dal fiume Sangro e dalle mele biologiche Melise.

La colazione si fa sulle terrazze delle case che si arrampicano armoniche su una collina e i gustosi piatti del ristorante Il Tartufo si possono assaporare nella grande sala ristorante o ricevere direttamente “in camera”. L’albergo diffuso è nato dal recupero di case e stalle abbandonate. Tel. 0865 946820.