L’Amministrazione comunale di Pescarolo ed Uniti (Cremona) si è già avvalsa in più occasioni, di avere disponibilità di personale attraverso la legge del Servizio Civile, o altre apposite, che hanno l’obiettivo di dare una risposta al problema occupazionale e la possibilità ai giovani di fare esperienze.

In merito – precisa il Sindaco Cominetti – abbiamo avuto esperienze positive, che si sono concretizzate nel rilascio di ottime referenze. Così è stato per l’ultimo che se n’è andato, avendo trovato lavoro e che consentiva una maggiore apertura della nostra Biblioteca“.

Da parte nostra – continua il Sindaco – è inevitabile un ringraziamento per l’impegno di quel giovane, ma è anche inevitabile un po’i rammarico, in un periodo molto importante per lo sviluppo del nostro ente culturale. Infatti, va precisato con una punta di orgoglio che in possesso dei requisiti siamo rientrati in un bando apposito per avere finanziamenti per acquisto di libri e siamo stati, tra i pochi ad avere il massimo previsto di 10.000. euro, per circa 800 libri“.

Va riconosciuto che la nostra biblioteca – prosegue Cominetti – è abbastanza frequentata e all’addetta il lavoro non manca, a maggior ragione adesso, dovendo provvedere alla sistemazione di questa nuova fornitura di libri, una sistemazione che non corrisponde più alla semplice sistemazione negli scaffali, ma ad un lavoro di catalogazione secondo determinati protocolli“.

Con la stessa legge abbiamo in servizio Giada che si è ormai inserita tra i piccoli della scuola materna, aiutando le insegnanti e facendo anche servizio, per questi bambini, sullo scuolabus. Una nuova possibilità per raggiungere gli obiettivi suindicati ci è stata data attraverso una convenzione con il tribunale di Cremona e Mantova. situazione che abbiamo già sperimentato negli anni scorsi e in questi giorni entrerà in aiuto ai cantonieri, avendo dato la persona interessata la sua disponibilità a lavori manuali esterni, con un impegno di 80 ore suddivise in 4 ore al giorno“.

In riferimento alle recenti variazioni apportate al reddito di cittadinanza , stiamo valutando una nuova possibilità e nei giorni scorsi – informa il Sindaco – abbiamo avviato un incontro con i responsabili delle associazioni locali per vedere quali possibilità possono esserci per impostare un progetto insiema, che preveda l’utilizzo di una persona che percepisce il reddito di cittadinanza”.

Un’iniziativa – conclude Cominetti – che avremmo potuto portare avanti come Comune, ma abbiamo preferito prima sentire anche le Associazioni, lasciando a loro la possibilità di riesaminare la cosa nei loro consigli e cercare poi di arrivare a conclusioni in un prossimo incontro fissato per lunedì 19 ottobre“.

Il Sindaco in chiusura dell’intervista evidenzia una nota positiva, in quanto attraverso queste iniziative, resteranno coinvolte nella vita quotidiana del comune, anche persone che vivono all’esterno dello stesso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome