Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara. Non sarebbe un “vero” Natale senza i dolci della Fondazione A.C.A.RE.F. Onlus: artigianali, buoni e soprattutto solidali. La Onlus ferrarese è impegnata a sostenere un progetto di ricerca scientifica che punta a fermare l’atassia spinocerebellare che in questi anni ha fatto molto per la ricerca.

Attraverso la proposta di pampapato, un must have natalizio ferrarese, e del classico panettone, la Fondazione raccoglie fondi destinati alla ricerca scientifica sull’atassia.

I fondi raccolti serviranno, infatti, per continuare a sostenere il progetto di ricerca attivo all’Università degli Studi di Ferrara sulle atassie spinocerebellari di tipo 1 e 2, malattie genetiche neurodegenerative incurabili che colpiscono il cervelletto creando problemi di coordinazione, movimento, parola e respirazione. Il progetto è portato avanti da un team di giovani donne che sta studiando una strategia terapeutica innovativa, lavorando direttamente sul DNA di assistiti affetti con l’intento di progettare un approccio personalizzato per ogni paziente.

“È una strada lunga, ricca di ostacoli e di tentativi falliti – racconta la dott.ssa Francesca Salvatori, PHD e ricercatrice presso l’Università di Ferrara – ma è la strada che abbiamo deciso di intraprendere con ogni nostra forza. Il nostro quotidiano è fatto di cellule, di pipette e di soluzioni, che ci rivelano il percorso e lo step successivo.”

Risultati lenti ma decisivi per bloccare la malattia, come spiega il presidente di A.C.A.RE.F. Silvio Sivieri: “Quando parliamo di Natale e di doni da ricevere penso sempre che l’unico regalo che vorrebbero ricevere tutti i malati è quello di una cura per la loro patologia. Una cura che deve arrivare in tempo per salvare loro la vita. Purtroppo la ricerca scientifica è un lungo viaggio e sappiamo che non siamo ancora arrivati al punto di bloccare definitivamente l’atassia e salvare quelle vite. Per questo chiedo alle persone di sostenerci, scegliendo i nostri dolci natalizi o magari dandoci un contributo mensile continuativo. Solo con costanza e coraggio possiamo pensare di sconfiggere le sindromi atassiche e avere, davvero, un Natale felice per tutti”.

Per prenotare i dolci natalizi di A.C.A.RE.F.: 366 826 3559 / [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome